Tessera di socio
TCS Mastercard
Fattura


Barometro TCS dell'elettromobilità

L'inchiesta annuale del TCS fa il punto su accettazione, potenziale e dubbi per quanto riguarda dell'elettromobilità in Svizzera.

A che punto siamo con l'elettromobilità in Svizzera nel 2020?

Anche quest'anno, il TCS, in collaborazione con il Gfs di Berna ha misurato gli impulsi elettrici di 1001 persone. Il risultato: siamo pronti per il "decollo". La maggioranza della popolazione svizzera (53%) considera in futuro probabile l'acquisto di un'auto elettrica. Mentre poco meno di una persona su dieci (9%) ha intenzione di farlo entro i prossimi tre anni, quasi la metà degli intervistati (44%) si concede un po' più di tempo e non può immaginare di acquistare un e-auto prima di quattro anni o più tardi. Anche una netta maggioranza della popolazione (66%) si considera essere bene o molto bene informata sull'argomento - quindi la mobilità elettrica si è fatta spazio nella mente della maggior parte delle persone.

Tutti i risultati dal Barometro TCS dell'elettromobilità

La crisi del coronavirus funge da stimolo

La crisi del coronavirus funge da stimolo

L’attuale crisi del coronavirus spinge la popolazione a ripensare numerosi aspetti della propria vita e influisce sul comportamento in fatto di mobilità.
 

Ambiente e denaro

Ambiente e denaro

I temi riguardanti l'ecologia e la sostenibilità hanno animato qust'anno le discussioni pubbliche. 

Ostacoli: infrastruttura di ricarica e prezzo d’acquisto

Ostacoli: infrastruttura di ricarica e prezzo d’acquisto

La messa a disposizione di un’infrastruttura di ricarica - in particolare a domicilio e sul posto di lavoro- e la praticità del suo utilizzo restano sfide fondamentali per l'espansione della mobilità elettrica.
 

Newsletter
Reti sociali
Rivista Touring
Apps
Nuovi prodotti & giubilei
 
La preghiamo di pazientare un momento.
Il Suo ordine è in fase di elaborazione.