Tessera di socio
TCS Mastercard
Fattura


Motori alternativi: sviluppo del mercato

Nel novembre 2021, il 29,5 % delle nuove auto ha una spina, mentre la quota di auto a combustione è scesa al 49,1%.
 
 

Il passaggio alla mobilità elettrica è più veloce del previsto

Mercato svizzero delle auto: parti di mercato delle nuove immatricolazionizoom
 
 
 

Stupore in Svizzera quando nell'autunno del 2020, la quota di auto puramente elettriche ha scalfito la soglia del 10% e quella delle auto a combustione è scesa a due terzi. Questo significava infatti che l'obiettivo industriale 10/20 di Auto Schweiz, considerato una volta estremamente audace, era stato raggiunto. Il pronostico successivo, ampiamente accettato, è 25/25, ossia il 25% di quota di mercato nel 2025.

Un anno dopo, il quadro è di nuovo sorprendente ossia nel novembre 2021, il 29,5% delle nuove immatricolazioni è plug-in, la quota di auto a combustione è solo del 49,1%. Sembrerebbe che il quarto trimestre del 2021 sia il primo trimestre nella storia del mercato automobilistico svizzero che vede i motori convenzionali relegati a minoranza da quelli alternativi (ibrido, ibrido plug-in e auto elettrica).

 
 
Automarkt Schweiz: Verkäufe der vergangenen 3 Monate (Sep – Nov 2021) nach Marktanteil der Antriebsartenzoom
 
 
 
 
 


 
 

La helpline del TCS per la mobilità elettrica
I nostri esperti vi consigliano gratuitamente in fatto di mobilità elettrica. 
0844 888 333

 
 

Mobilità elettrica, coronavirus, carenza di chip e effetto Osborne cambiano il mercato dell'auto

Rispetto all'anno precedente la pandemia, il 2019, il mercato automobilistico svizzero è in calo del 23% dopo undici mesi nel 2021. Il rallentamento si è addirittura intensificato nel corso dell'anno, dato che da settembre a novembre 2021, il mercato complessivo è addirittura inferiore del 28% rispetto al periodo corrispondente del 2019.
Solo tre produttori - Tesla, Hyundai e Toyota - hanno guadagnato rispetto al 2019. Tutti gli altri produttori hanno perso, in alcuni casi marcatamente. La media in rosso è di -32%, con SsangYong (non è riportata nel grafico) la più colpita con il -95%. L'aumento enorme del 90% di Tesla può essere attribuito alla nuova Model Y, che è stata consegnata in Svizzera solo ad agosto 2021.

 
 
Automarkt Schweiz: Veränderung der Neuzulassungen nach Marken von Sep – Nov 2019 auf Sep – Nov 2021zoom
 
 
 

Si possono identificare quattro fattori principali che indeboliscono il mercato dell'auto:

  • Coronavirus: la situazione pandemica in corso influenza sia il lato "buy" che quello "sell". Per quanto riguarda i consumatori, la situazione toglie la voglia d'investire in grande, come è il caso per l'acquisto di un'auto. Per quanto riguarda i produttori invece, le catene di approvvigionamento non funzionano ancora normalmente.
  • Mobilità elettrica: secondo il "Barometro TCS dell'elettromobilità", solo il 31% degli intervistati è ancora contrario all'acquisto di un'auto elettrica. L'interesse per la nuova guida silenziosa e pulita si riflette anche negli enormi tassi di crescita dei veicoli plug-in. Questo è in netto contrasto con la maggior parte dei produttori, che non stanno espandendo sia la gamma di modelli che le capacità di produzione di auto elettriche allo stesso ritmo. La debolezza del mercato dell'auto, è quindi più una debolezza dei veicoli a combustione che rispecchiano sempre meno le preferenze dei clienti.
  • Carenza di chip: la spinta alla digitalizzazione innescata dalla pandemia sta aumentando la domanda di processori e chip di memoria. L'industria dei semiconduttori funziona a pieno regime. Le fabbriche e i processi di produzione complessi e costosi non possono essere ampliati a breve termine. Nell'industria automobilistica, è il contrario a causare la crisi dei chip, infatti molte case automobilistiche non sono al passo con i tempi per quanto riguarda la digitalizzazione e usano chip obsoleti nei loro prodotti - anche nelle nuove auto elettriche. In questo caso l'industria dei semiconduttori non ha interesse a espandere le capacità di produzione per prodotti obsoleti.
  • Effetto Osborne: si parla di effetto Osborne quando i clienti non comprano più o non sostituiscono un prodotto perché sanno che una nuova alternativa o una variante migliorata sarà presto sul mercato. Nel caso delle automobili, questo effetto colpisce tutti i produttori che hanno una gamma di motori a combustione, poichè molti clienti, in vista del passaggio alla mobilità elettrica, hanno rimandato l'acquisto di un'auto o la sostituzione. Questi ultimi stanno infatti aspettando la maturazione della nuova tecnologia, una più ampia scelta di modelli, maggiori informazioni e/o test da parte dei primi acquirenti. Questo porta a un rallentamento a breve termine della domanda. Una volta che le condizioni d'acquisto sono soddisfatte dal punto di vista di questi potenziali acquirenti, ci sarà di nuovo un'accelerazione del mercato fino a quando la domanda tornerà a lungo termine a livelli normali. Il crollo delle vendite prima della rinnovata accelerazione può causare gravi e gravissime ripercussioni per alcuni fornitori. 

Le auto elettriche hanno superato l'importante soglia del 16%

Possiamo rilevare un fatto importante, ossia che le auto elettriche hanno superato l'importante soglia del 16%. La curva di adozione secondo Everett M. Rogers afferma che un'innovazione tecnologica o un nuovo prodotto può affermarsi sul mercato di massa solo quando i due gruppi di clienti "innovatori" e "early adopters" sono stati convinti. La transizione tra gli "early adopters" e il primo mercato di massa, definita "early majority", è il punto di svolta: l'accettazione dei clienti e la diffusione accelerano. Con il 18,3%, le auto elettriche hanno ora superato significativamente questo punto di svolta per la prima volta in un periodo di tre mesi. Tenuto conto dei continui progressi tecnici, della accettazione in aumento e di una scelta attraente di modelli, si può prevedere un'ulteriore crescita della quota di mercato. La soglia del 50%, che la maggior parte degli esperti non si aspettava di raggiungere prima del 2030, sarà probabilmente raggiunta molto prima.

 
 
Diffusionstheorie (Adoptionskurve) nach Everett M. Rogerszoom
 
 

La Tesla Model 3 occupa il secondo posto dopo la Skoda Octavia che da anni è prima in classifica

Mercato automobilistico svizzero: top 15 di tutti i modelli di nuova immatricolazione nel 2021 (gennaio - novembre) per tipo di propulsionezoom
 
 
 

Rispetto al 2020, ci sono stati alcuni cambiamenti interessanti nella classifica dei modelli più popolari: la Model 3 di Tesla è riuscita a superare la VW Tiguan e l'Audi Q3 per occupare il secondo posto dietro la Skoda Octavia da sempre incontestata prima in classifica. La californiana è infatti stata l'auto più venduta nelle statistiche generali di molti mercati per diversi mesi. Grazie alla versione elettrica, la Fiat 500 è entrata nella top 5. La Renault Zoë, uno dei pionieri della mobilità elettrica e un'auto elettrica convincente nella sua attuale terza versione (tranne che per i risultati allarmanti di crash in Euro NCap), è scesa bruscamente dal 13° posto complessivo nel 2020 al 45° posto nel 2020. Con la scomparsa della Zoë dalla top 15, il numero di auto elettriche in questo gruppo è scesa dal 15% dell'anno precedente al 13% per novembre 2021, la loro quota è destinata a salire ancora l'anno prossimo, perché con VW ID.3 e ID.4, Skoda Enyaq e Tesla Model Y, ci sono tre candidati all'altezza per il gruppo superiore, esse sono rispettivamente al 17°, 38° e 60° posto nelle statistiche generali di quest'anno.

Mercato svizzero delle auto: top 15 di tutti i modelli di nuova immatricolazione  da settembre a novembre 2021 per tipo di propulsione
 
 
 

Un quadro completamente diverso - e forse un segno dell'effetto Osborne - emerge nella top 15 per il periodo tra settembre e novembre 2021: la Skoda Octavia è relegata in quinta posizione dalle auto elettriche. I primi tre posti e mezzo sono occupati da auto che non hanno più un motore a combustione interna (uno e mezzo perché la Fiat 500 è disponibile sia come auto elettrica che come auto ibrida e a combustione interna). Una pietra miliare e situazione impensabile fino a poco tempo fa! Con la Volvo XC40 Recharge, sono cinque i modelli completamente elettrici nella top 7, che rappresentano una quota di mercato di quasi due terzi in questo gruppo di schermitori.

Un'offerta attrattiva di modelli elettrici in Svizzera

Verso la fine del 2020, la lista delle auto puramente elettriche comprendeva ancora 43 modelli. Un anno dopo, ce ne sono già circa il 50% in più. Cinque dei nuovi arrivati sono entrati immediatamente nel gruppo di testa dei 15 più popolari completamente eletttrici del 2021 (da gennaio a novembre): la Skoda Enyaq, la VW ID.4, la Model Y di Tesla, la EQA di Mercedes e la Ioniq 5 di Hyundai. Da notare anche il fatto che questi quattro appartengono tutti alla stessa categoria di veicoli, ossia Crossover e piccolo SUV.

 
 
Mercato automobilistico svizzero: top 15 di tutte le auto elettriche di nuova immatricolazione nel 2021 (gennaio - novembre)zoom
 
 
 

Cambio della guardia tra i primi produttori di auto elettriche

Oltre a Tesla, sono stati finora Renault (Zoë), Hyundai (Ioniq e la Kona) e VW (con le varianti elettriche della Golf e della Up) i principali motori della mobilità elettrica.

A questo proposito c'è stato un chiaro cambiamento nel corso dell'anno: VW, Skoda e Audi hanno continuato ad avanzare, spingendo sempre più Renault e Hyundai fuori dai primi posti tra i produttori di elettriche. Hyundai è stata in grado di aumentare le sue vendite di auto elettriche in Svizzera del 45%, ma questo non è stato sufficiente per difendere il suo terzo posto dell'anno precedente. VW ha quadruplicato, Skoda ha triplicato e Audi ha raddoppiato. Il successo di Renault, Zoë, ha addirittura subito un calo del 40%. Nonostante questo forte calo, la Zoë 2021 è la quarta auto elettrica più popolare tra gli svizzeri. Gli scarsi risultati nel crash test non favoriscono certo un ulteriore sviluppo. Forse la piccola Renault Twingo Z.E. assumerà il ruolo di auto elettrica per tutti.

Volvo sta celebrando il successo con la XC40, che gioca un ruolo importante fra i nuovi modelli di motore a combustione, ibrido, ibrido plug-in ed elettrico. Hyundai potrebbe replicare il successo della Kona con la Ioniq 5, eletta auto dell'anno. La nuova piattaforma con tecnologia di ricarica a 800V è promettente. Siamo curiosi di vedere se e cosa seguirà. Peugeot è uscita dalla top 10 dei produttori di auto elettriche. All'inizio del 2010, il marchio ha cavalcato la tecnologia del pioniere Mitsubishi iMieV con la iOn. Oggi, la e208 e la e2008 sono sulla stessa piattaforma delle loro sorelle Citroën e Opel.


 
 
Mercato automobilistico svizzero: top 10 produttori di auto elettriche di nuova immatricolazione nel 2021 (gennaio - novembre)zoom
 
 
 

Sviluppo del mercato globale

Rispetto all'ottobre 2020, i veicoli plug-in hanno aumentato la loro quota di mercato globale del 70% a poco meno del 9%. Quattro quinti di questi erano auto elettriche. Su tutto l'anno fino a ottobre compreso, le nuove auto con spina sono al 7,2%. Poiché novembre e dicembre sono di solito mesi di forti vendite, le auto che possono essere caricate con elettricità esterna potrebbero raggiungere sei milioni di vendite per tutto l'anno, corrispondente a circa il doppio del 2020. Le auto elettriche più popolari in tutto il mondo nel 2021 (fino a ottobre incluso) sono state di gran lunga la Model 3 e la Model Y di Tesla, e la HongGuang Mini EV di Wuling (una microcar venduta solo in Cina).

 
 
© Consulenza mobilità TCS
© Consulenza mobilità TCS

Online: dicembre 2021

Newsletter
Reti sociali
FacebookInstagramTwitterLinkedInYouTube
Rivista Touring
Rivista Touring
Apps
Nuovi prodotti & giubilei
50 anni Protezione giuridica
60 anni Libretto ETI
Societariato famiglia
© 2022 Touring Club Svizzero Condizioni d'uso – Informazioni giuridiche Protezione e sicurezza dei dati
V3.2.1 / Production publish 2
 
La preghiamo di pazientare un momento.
Il Suo ordine è in fase di elaborazione.