Etiopia
L’Etiopia è situata nel Corno d’Africa (come la Somalia) ed è attorniata da Eritrea, Gibuti, Sudan, Sudan del Sud, Kenia e Somalia.

A prima vista

Generalità

Clima

Clima tropicale, con due stagioni di pioggia. Gradevole grazie all'altitudine.

Miglior periodo: da metà settembre a maggio.

Moneta

Valuta nazionale: Birr - ETB

Sicurezza in viaggio

Situazione della sicurezza

Valutazione sommaria
A chi intraprende viaggi in Etiopia si raccomanda di fare molta attenzione alla sicurezza personale.

Dopo le dimissioni del primo ministro, il 16 febbraio 2018 il governo ha dichiarato lo stato di emergenza in tutto il paese; il 5 giugno 2018 è stato revocato. Con lo stato di emergenza, il Governo può, tra l'altro, vietare manifestazioni / raduni, effettuare arresti senza un ordine del tribunale o imporre coprifuochi.

Dall’autunno 2017, nelle regioni di Amhara, Oromia, Harar et Dire Dawa avvengono dei disordini regionali. Già in autunno 2016 e in primavera 2017 ci sono stati dei gravi disordini in queste regioni. 

In tutto il Paese possono esserci tumulti e atti di violenza in seguito a dimostrazioni. In caso di disordini, sono da prevedere blocchi stradali locali che possono durare diversi giorni e presso i quali possono avvenire degli scontri violenti.

Anche ad Addis Abeba, le tensioni politiche esistono e delle dimostrazioni possono avvenire in qualsiasi momento.

Evitare le manifestazioni di qualsiasi tipo in tutto il Paese. Seguire le istruzioni delle autorità locali (copri-fuoco) e rimanere in contatto con l’operatore turistico.Portare sempre con sé il passaporto, in modo da potersi identificare in occasione dei numerosi controlli.

Durante i viaggi interurbani, si raccomanda di non allontanarsi dalle strade principali e di informarsi presso le autorità locali sulle condizioni di sicurezza presenti lungo l’itinerario previsto. Si consiglia di farsi accompagnare da una persona di fiducia locale pratica del posto.

In caso di blocchi stradali, ai viaggiatori non resta che informarsi sul posto riguardo alle possibilità di viaggio alternative e, se la situazione lo richiede, attendere il placarsi della situazione. In caso di blocchi, i mezzi di assistenza dell'ambasciata svizzera ad Addis Abeba per l'uscita dalle regioni colpite sono solo limitati, se non addirittura nulli.

Il rischio di attentati esiste in tutto il Paese. Ripetutamente da gennaio 2017, nella regione di Amhara sono stati perpetrati attentati. Si consiglia di essere prudenti, specialmente nei luoghi pubblici come ad esempio ai mercati, alle stazioni dei bus, nelle chiese, nei dintorni di rappresentanze diplomatiche o uffici del Governo, durante eventi e in tutti i luoghi spesso frequentati da stranieri come i centri commerciali, ristoranti ecc.

Le tensioni tra i vari gruppi etnici e la lotta per la conquista di sorgenti d'acqua e terreno da pascolo possono provocare nelle aree di migrazione degli allevatori nomadi, situate nel bassopiano, scontri violenti che si concludono spesso solo con l'intervento delle forze dell'ordine.

Pericoli locali specifici

  • Regioni di Oromia, di Harar et di Amhara: Prima di recarsi nelle regioni di Oromia, di Harar, di Dire Dawa et di Amhara, si raccomanda di informarsi presso le autorità locali e il proprio operatore turistico sulla situazione di sicurezza attuale e sull’effettiva possibilità di realizzare il viaggio previsto. Farsi accompagnare da una persona di fiducia locale esperta del luogo e usare massima prudenza. Evitare inoltre manifestazioni ed eventi di massa di qualsiasi tipo e seguire le istruzioni delle autorità locali. Dopo una calma apparente in estate 2017, dall'autunno 2017 sono scoppiati nuovamente dei disordini locali regionali. La situazione è tesa.
  • Confine con l'Eritrea (compresa la regione dell’Afar): si sconsigliano  viaggi nella regione di confine con l'Eritrea, inclusa la depressione di Danakil e la regione occidentale di Afar.
  • Regioni di confine con Kenia, Sudan e Sudan del Sud: In queste regioni sono attivi gruppi di opposizione armati e banditi e persistono conflitti tra etnie nemiche. Evitare con ampio margine le zone di confine con il Kenia, il Sudan e il Sudan del Sud, inclusa la regione di Gambella.
  • Est del Paese (Somali Region, detta anche Ogaden): si sconsiglia di recarsi nella regione posta a sud del 9° grado di latitudine e a est del 42° grado di longitudine.
  • Regioni di confine con Kenia, Sudan e del Sudan del Sud: Evitare le zone di confine con il Kenya, il Sudan e il Sudan del Sud, inclusa la regione di Gambella.
  • Regione SNNPR (Southern Nations, Nationalities and Peoples): Si raccomanda di informarsi presso le autorità locali e il proprio operatore turistico sulla situazione di sicurezza attuale nella regione di SNNPR e sull’effettiva possibilità di realizzare il viaggio previsto. Viaggiare in gruppi di alcuni veicoli et farsi accompagnare da una guida locale esperta del luogo. Si raccomanda particolare prudenza. Evitare manifestazioni ed eventi di massa di qualsiasi tipo e seguire le istruzioni delle autorità locali.


Estratto da: consigli di viaggio DFAE

Vaccinazioni & Salute

Infrastruttura sanitaria
L'assistenza medica è garantita solo in misura limitata, persino ad Addis Abeba. Gli ospedali richiedono una garanzia finanziaria prima di trattare i pazienti (pagamento anticipato). In caso di malattie o ferite gravi è preferibile farsi curare all'estero.


Vaccinazioni

  • È consigliato farsi vaccinare contro: difterite, febbre gialla, epatite A, poliomielite, morbillo e tetano.
  • In certi casi è pure consigliato farsi vaccinare contro: febbre tifoide, epatite B e rabbia.

La vaccinazione contro la febbre gialla è obbligatoria per i viaggiatori soggiornanti in questa destinazione provenienti negli ultimi 6 giorni da una zona endemica (per chi vi ha soggiornato). Quest'obbligo è stato tolto per i bambini di età inferiore a un anno. Si consiglia di fare la vaccinazione contro la febbre gialla ad ogni passeggero di età superiore ai 9 mesi che si reca fuori dalle grandi città del Paese.


Situazione sanitaria
Prevedete un trattamento antimalarico e proteggetevi contro le punture delle zanzare. Il rischio di malaria esiste nelle zone al di sotto dei 2'200 metri d’altitudine. Ad Addis Abeba non c’è il rischio di malaria. Vi è pure un rischio di dengue. Rispettate le direttive di igiene personale e alimentare. Evitate di bere acqua del rubinetto.

Criminalità

Valutazione sommaria
La micro-criminalità è in aumento nelle città a causa della povertà generale e dell'alto tasso di disoccupazione. All'inizio del mese di gennaio 2013, un turista ha perso la vita durante un'agressione a sfondo criminale in prossimità di Bahir Dar (regione del Nilo Azzurro). Da notare che in questa regione atti di violenza di tale gravità si sono raramente verificati.


Misure precauzionali specifiche alla destinazione

  • Preferire i tassì individuali ai mezzi di trasporto pubblici e ai tassì collettivi (minibus)
  • Rinunciare a effettuare spostamenti su grandi distanze durante la notte (pericolo di assalti da parte di banditi).
  • Ad Addis Abeba se si esce di notte si raccomanda di farsi accompagnare e di spostarsi unicamente a bordo di un'automobile o un tassì


Estratto da: consigli di viaggio DFAE

Altri consigli utili per i vostri viaggi

Pericoli naturali

Secondo le stagioni, gli incendi di boschi possono essere assai frequenti in tutto il Paese. In Etiopia vi sono diversi vulcani. L'Erta Ale nella regione dell'Afar è uno dei più attivi al mondo. In questa regione, inoltre, si registrano frequentemente leggere scosse telluriche.

Estratto da: consigli di viaggio DFAE

Formalità di viaggio

Formalità d'ingresso

Le seguenti informazioni sono destinate a cittadini svizzeri residenti in Svizzera.

  • Un passaporto svizzero valido è necessario per recarsi in questa destinazione.
  • Un visto è pure necessario. Richiedere il visto elettronico a questo link: www.evisa.gov.et

Non viene riscossa nessuna tassa aeroportuale.

Assicurazioni

Licenza di condurre e noleggio di un’automobile
La licenza di condurre internazionale è obbligatoria. Essa è valida unicamente se accompagnata dalla vostra licenza di condurre nazionale e può essere ottenuta presso i centri contatto del nostro club o all’Ufficio cantonale della circolazione del vostro cantone di domicilio.

L’età minima per noleggiare un veicolo è di 25 anni e quella massima di 70 anni.


Importazione temporanea di un veicolo privato
Un Carnet de passages en douane (CPD) è raccomandato per l’importazione temporanea di veicoli a motore o rimorchi in questa destinazione.

Pedaggi & Regole circolazione

Regole di circolazione

Circolazione a destra.

Le informazioni turistiche per questa destinazione sono state raccolte e curate con grande cura e vengono attualizzate regolarmente. Tuttavia, non possiamo garantire l’esattezza e l’esaustività di questi dati.
Da notare che le nostre informazioni turistiche si rivolgono principalmente a cittadini e residenti svizzeri e concernono veicoli immatricolati in Svizzera. Non è dunque garantita la loro validità per altri viaggiatori.
Le informazioni riguardanti le seguenti tematiche sono state gentilmente messe a disposizione dal DFAE (Dipartimento federale degli affari esteri): sicurezza & politica, infrastruttura sanitaria, criminalità e rischi naturali.

Scegliere la destinazione

Consiglio di viaggio

Il DFAE sconsiglia parzialmente viaggi in questo Paese.

Ulteriori informazioni

ulteriori informazioni

Corrente: 220 V
Prefisso: +251
 

Saperne di più

Condividere

Potrebbe interessarvi anche

Offerte del TCS

Newsletter
Reti sociali
Rivista Touring
Nuovi prodotti & giubilei
 
Si prega di pazientare un attimo
Stiamo ottimizzando il nostro sito, ciò che può comportare tempi di caricamento più lunghi.