Il campeggio stanziale – che fare in assenza di rete elettrica?

Assicurarsi un approvvigionamento elettrico efficiente – consigli e suggerimenti


Dai campeggiatori per i campeggiatori!

Autore: Axel Bolldorf, socio TCS Camping, campeggiatore stanziale in roulotte e camperista.

L’approvvigionamento elettrico ibrido per il campeggio

Chi, come noi, tiene la roulotte collocata stabilmente su una piazzola priva di allacciamento elettrico deve necessariamente porsi il problema di come procurarsi la corrente.

Le diverse opzioni possibili

L’utilizzo di un generatore elettrico è normalmente fuori questione a causa della sua rumorosità. 

Resta l’energia solare, ma alle nostre latitudini contare unicamente su di essa non è possibile, a meno che non si intenda limitarsi a utilizzare luce, ventilazione e WC unicamente durante l’estate. Nei lunghi mesi autunnali e invernali, infatti, le ore di luce e la «potenza radiante» del sole si riducono notevolmente, mentre il fabbisogno energetico, ad esempio per l’illuminazione e il funzionamento prolungato delle ventole di distribuzione del calore, cresce.

Soluzione: pannelli solari abbinati a una cella a combustibile

Nelle celle dei pannelli solari l’energia del sole viene convertita in elettricità. 

In quelle a combustibile avviene un fenomeno analogo ma la reazione, di tipo chimico, utilizza il metanolo come combustibile e l’aria come agente ossidante. La corrente così generata, come quella prodotta dai pannelli solari, viene immagazzinata nella batteria di bordo a 12 V. 

Questa soluzione ibrida è già disponibile in commercio sotto forma di soluzioni complete.

Quale potenza deve avere l’impianto?

Prima di procedere all’acquisto è necessario riflettere su quale dovrà essere la potenza dell’impianto richiesto. A tal fine è necessario calcolare il fabbisogno elettrico previsto rispondendo alle seguenti domande:

  • quali dispositivi elettrici intendo utilizzare?
  • per quante ore al giorno dovranno rimanere in funzione?
  • quali consumi elettrici presentano i singoli apparecchi?

In aggiunta è necessario chiedersi se si intenda utilizzare unicamente apparecchi a 12 V oppure anche elettrodomestici che richiedono una tensione a 230 V. Per far funzionare questi ultimi deve essere installato un invertitore, il cui consumo elettrico (compreso tra 0,1 e 0,5 A) deve anch’esso essere tenuto in considerazione se si desidera disporre in modo continuativo di corrente a 230 V.

Prendiamo come esempio il consumo di un asciugacapelli da 1200 Watt in funzione per 15 minuti. Per disporre dei 1200 Watt necessari al suo funzionamento con una tensione di 12 V, l’apparecchio assorbe dalla batteria 100 Ampere l’ora. Asciugarsi i capelli comporterà dunque un consumo della batteria di 25 Ah. Con una batteria di 100 Ah si tratta già di un quarto della capacità totale!

Riflettete su quali apparecchi sono davvero indispensabili

Riflettete su quali apparecchi sono davvero indispensabili

Al più tardi a questo punto delle vostre riflessioni dovrete chiedervi a quali apparecchi non potete assolutamente rinunciare e su quali varianti meno dispendiose in fatto di consumi potete invece ripiegare. 

Le lampadine a 12 V per l’illuminazione interna possono ad esempio essere sostituite da faretti a LED, che assorbono solo una frazione dell’energia elettrica necessaria alle prime. 

I caricabatterie USB a 12 V consumano meno corrente rispetto a quelli a 230 V. 

Se non desiderate rinunciare agli elettrodomestici da cucina è consigliabile ad esempio sostituire il frullatore da 800 W con un apparecchio equivalente da 180 W. Se utilizzate unicamente dispositivi a 230 V dai consumi moderati, e ne fate un uso solo sporadico, potete scegliere di installare diversi piccoli trasformatori al posto di un unico grosso invertitore. 

I consumi sono generalmente indicati sugli apparecchi stessi o sui dati tecnici riportati nei relativi manuali di istruzioni.

Stima dei consumi energetici complessivi

La seguente tabella esemplificativa mostra i consumi complessivi previsti a bordo del mezzo:

dispositivo/consumatore tensione potere corrente ore / giorno Wh / giorno Ah / giorno

Televisione

12 V

35.00 W

2.92 A

175 

14.58 

Caricabatterie per smartphone

12 V

12.00 W

1.00 A

48 

4.00 

Pompa acqua

12 V

60.00 W

5.00 A

0.1 

0.50 

Batteria ricaricabile

12 V

  6.00 W 

0.50 A

 0.25

1.5 

0.13 

Radio

12 V

 12.00 W

1.00 A

2

24 

2.00 

Illuminazione interna

12 V

  6.00 W

0.50 A

24 

2.00 

Internet 

12 V

  7.50 W

0.63 A

24 

180 

15.00 

Ventilazione

12 V

12.00 W

1.00 A

24 

288 

24.00 

TOTALE

 

150.50 W

12.54 A

63.35 

746.50 

62.21 

dispositivo/consumatore

Televisione

tensione

12 V

potere

35.00 W

corrente

2.92 A

ore / giorno

Wh / giorno

175 

Ah / giorno

14.58 

dispositivo/consumatore

Caricabatterie per smartphone

tensione

12 V

potere

12.00 W

corrente

1.00 A

ore / giorno

Wh / giorno

48 

Ah / giorno

4.00 

dispositivo/consumatore

Pompa acqua

tensione

12 V

potere

60.00 W

corrente

5.00 A

ore / giorno

0.1 

Wh / giorno

Ah / giorno

0.50 

dispositivo/consumatore

Batteria ricaricabile

tensione

12 V

potere

  6.00 W 

corrente

0.50 A

ore / giorno

 0.25

Wh / giorno

1.5 

Ah / giorno

0.13 

dispositivo/consumatore

Radio

tensione

12 V

potere

 12.00 W

corrente

1.00 A

ore / giorno

2

Wh / giorno

24 

Ah / giorno

2.00 

dispositivo/consumatore

Illuminazione interna

tensione

12 V

potere

  6.00 W

corrente

0.50 A

ore / giorno

Wh / giorno

24 

Ah / giorno

2.00 

dispositivo/consumatore

Internet 

tensione

12 V

potere

  7.50 W

corrente

0.63 A

ore / giorno

24 

Wh / giorno

180 

Ah / giorno

15.00 

dispositivo/consumatore

Ventilazione

tensione

12 V

potere

12.00 W

corrente

1.00 A

ore / giorno

24 

Wh / giorno

288 

Ah / giorno

24.00 

dispositivo/consumatore

TOTALE

tensione

 

potere

150.50 W

corrente

12.54 A

ore / giorno

63.35 

Wh / giorno

746.50 

Ah / giorno

62.21 

La capacità che deve avere la batteria di bordo può essere stabilita raddoppiando il valore totale della corrente assorbita riportato nella colonna «Ah / giorno» – nel nostro esempio circa 130 Ah.

Per far fronte a questo fabbisogno elettrico di 62 Ah utilizzando l’energia solare sarebbe necessario utilizzare a luglio un modulo fotovoltaico da 240 Wp, a ottobre un pannello di dimensioni doppie e a dicembre addirittura un modulo da 2000 Wp. Quelli indicati sono tuttavia valori minimi! L’unità di misura Wp indica infatti i cosiddetti «watt picco», valori di potenza massima ottenuti in laboratorio in condizioni standard.

Nella pratica tale fabbisogno energetico potrebbe essere coperto solo in estate, quando la ventola per la distribuzione del calore non è in funzione e l’illuminazione funziona solo per tempi non troppo lunghi.

Cella a combustibile

Cella a combustibile

È qui che entra in gioco la cella a combustibile. Se la tensione della batteria scende sotto un determinato valore soglia (nel nostro caso 12,4 V) la cella a combustibile si attiva e ricarica la batteria.

Nonostante ciò avvenga di solito dopo il calare del buio, la cella a combustibile è così silenziosa da lasciar dormire tranquilli noi e i nostri cani! 

Per funzionare, la cella a combustibile necessita di 0,9 l di metanolo per chilowattora. A noi una tanica da 10 l basta per un anno.
La cella a combustibile che abbiamo acquistato è quella più piccola, con una capacità di carica di 80 Ah al giorno, e ciononostante è sufficiente a far fronte in caso di necessità all’intero nostro fabbisogno energetico. Anche qualche giorno di cielo coperto in inverno non ci crea dunque alcun problema. 

In caso di fabbisogno energetico più alto, esistono comunque celle a combustibile con capacità di 140 Ah o 210 Ah.

Montaggio

Il montaggio l’abbiamo affidato a un rivenditore specializzato, Hausammann con sede a Uttwil. (www.hausammann.ch

Per quanto riguarda la collocazione della cella, è importante tener presente che:

  • non deve trovarsi nelle immediate vicinanze dell’impianto di riscaldamento, poiché la sua temperatura d’esercizio non deve superare i 40°
  • deve trovarsi vicino alla batteria, in modo da ridurre la lunghezza del cavo e con essa la resistenza elettrica
  • deve essere facilmente accessibile per la sostituzione della cartuccia di carburante
  • deve disporre di aperture per il passaggio dei tubi per la dispersione del calore e dei gas di scarico.

In inverno la cella a combustibile può restare montata, ma è necessario che disponga di una quantità di metanolo sufficiente a garantirne la funzione antigelo. Se la temperatura scende sotto i 3° il sistema si attiva automaticamente per evitare il congelamento della cella, un’eventualità che, se si ripete più volte, può causare danni irreversibili all’impianto. Per i cinque mesi d’inverno tipici dell’Europa centrale il produttore indica un consumo di metanolo pari a 10 l per la funzione antigelo.

La cella a combustibile della nostra roulotte sistemata su una piazzola stanziale presso il lago di Neuchâtel ha consumato da inizio ottobre a fine marzo 5 l di carburante.

Conclusioni

In conclusione risulta evidente come una combinazione di pannelli solari e cella a combustibile assicuri un’affidabile approvvigionamento elettrico per tutto l’anno.

Questo articolo è stato utile?
No
91%
degli utenti ha trovato questo articolo utile
11 valutazioni
 

Non siete ancora soci TCS Camping?

Aderite subito e iniziate ad approfittare di vantaggiose offerte!

saperne di più
Condividere
durckenE-MailFacebookTwitter

Saperne di più

Potrebbe interessarvi anche

Offerte del TCS

Newsletter
Reti sociali
Rivista Touring
Nuovi prodotti & giubilei
 
Si prega di pazientare un attimo
Stiamo ottimizzando il nostro sito, ciò che può comportare tempi di caricamento più lunghi.