Tessera di socio
TCS Mastercard
Fattura

Il TCS chiede l'apertura immediata dei campeggi

Indignato e deluso, il TCS rileva che il Consiglio federale non ha ancora approvato l'apertura dei campeggi svizzeri. Dal punto di vista del TCS, questa decisione non è più sostenibile dal momento che i campeggi sono aperti in Germania dal 11° maggio e lo saranno in Austria dal 29° maggio. I concetti di protezione richiesti dall’UFSP possono essere implementati fin da oggi in modo ottimale, specialmente nei campeggi. La posizione del Consiglio federale priva la popolazione svizzera di un'importante opportunità di passare le vacanze nel proprio paese e provoca distorsioni della concorrenza e del mercato nel settore degli alloggi, con gravi conseguenze economiche per i campeggi e l’economia locale. Per questo motivo, il TCS richiede l'approvazione immediata per aprire i campeggi, seguendo il concetto di protezione presentato ad aprile.

13 maggio 2020

 Con le opzioni di viaggio fortemente limitate e per rallentare ulteriormente la diffusione del coronavirus, il Consiglio federale sta attualmente promuovendo le vacanze in Svizzera. Allo stesso tempo, continua a vietare l'apertura dei campeggi ai turisti, mentre strutture di alloggio come alberghi e ostelli della gioventù hanno già potuto riaprire le porte agli ospiti. Questo atteggiamento è incoerente, distorce la concorrenza, danneggia gli affari e priva la popolazione svizzera di un'importante opportunità per trascorrere vacanze sicure e convenienti nel proprio paese.

Foto
 

Campeggi aperti in Europa

 Altri paesi europei, che hanno già dato il permesso di aprire campeggi o almeno hanno annunciato una data di apertura, mostrano che esiste un’alternativa. In Germania i campeggi possono aprire dall'altro ieri (11 maggio). Questo è già avvenuto in alcuni Land. L'Austria consente l'apertura dei campeggi dal 29 maggio. A breve ci si può aspettare una decisione corrispondente in Italia.

Il direttore generale del TCS, Jürg Wittwer, chiede ora al Consiglio federale di agire rapidamente: "Il Consiglio federale deve ora consentire l'apertura rapida dei campeggi. Non ci sono motivi validi per non farlo. Al TCS abbiamo fatto il nostro dovere. I concetti di protezione adeguati sono pronti da Pasqua. Dopo quasi 2 mesi di blocco, la popolazione svizzera ha la necessità di fare vacanze sicure, in contatto con la natura. Lo possiamo vedere nelle richieste di prenotazione, che al momento sono enormi. Pertanto non capiamo perché il Consiglio federale non dia il via libera".

Concetti di protezione facili da implementare

 Le attuali normative dell’UFSP relative alle misure di distanza e di igiene possono essere rispettate meglio addirittura nei campeggi che negli alberghi e negli ostelli. La lottizzazione dei terreni facilita il mantenimento della distanza minima di 2 metri. Le misure d’igiene e di distanza possono pure essere implementate facilmente e correttamente nelle strutture sanitarie e di restaurazione. Di norma, i campeggiatori viaggiano in veicoli privati e pernottano in una roulotte, un camper – con i propri servizi igienici –, una tenda o un alloggio indipendente. Inoltre, di solito mangiano dentro o davanti al loro alloggio individuale e, a differenza di alberghi e ostelli, si muovono principalmente all'aperto e non in ascensori, scale e sale comuni.

Laurent Pignot
Laurent Pignot
Telefono +41 58 827 27 16
Telefono +41 76 553 82 39
Condividere
durckenE-MailFacebookTwitter
Newsletter
Reti sociali
Rivista Touring
Nuovi prodotti & giubilei
 
Si prega di pazientare un attimo
Stiamo ottimizzando il nostro sito, ciò che può comportare tempi di caricamento più lunghi.