I 10 errori più frequenti dei neofiti del camper

Ecco alcuni errori tipici che dovreste evitare viaggiando in camper


Dai campeggiatori per i campeggiatori!

Autore: Michael Sterk, socio TCS Camping e appassionato di campeggio. Amante dei viaggi in roulotte e camper e responsabile operativo nel commercio di campeggi.

Ecco alcuni errori tipici che dovreste evitare viaggiando in camper

Ecco alcuni errori tipici che dovreste evitare viaggiando in camper

Chi viaggia per la prima volta in camper deve fare attenzione ad alcuni aspetti. In questo contributo vi mostriamo gli errori più frequenti dei neofiti e come evitarli. Alcuni comportamenti scorretti, infatti, potrebbero trasformare in un incubo la vacanza in campeggio dei vostri sogni. 

Sicurezza in marcia, carico dei bagagli e smaltimento dell’acqua: vi spieghiamo di cosa occorre assolutamente tener conto per il vostro primo viaggio con un camper di proprietà o a noleggio. 

Se vi attenete ai seguenti consigli, nulla (o quasi) potrà andare storto.

1. Camminare nel camper durante la marcia

Chi pensa di potersi muovere in piena libertà anche quando il camper è in marcia si sbaglia. A dover allacciare le cinture, infatti, non sono soltanto il conducente e il passeggero anteriore, ma anche tutti gli altri occupanti – che si tratti di bambini o animali. Di conseguenza, il numero massimo di passeggeri deve corrispondere a quello dei sedili dotati di cintura di sicurezza. Cani e gatti possono viaggiare in camper senza problemi grazie a una serie di appositi dispositivi.

2. Partire con il serbatoio dell’acqua pulita pieno

Soltanto i neofiti assoluti del camper riempiono il più possibile il serbatoio dell’acqua pulita prima di partire per le vacanze. Gli esperti, infatti, lo riempiono solo fino a metà. Di solito il serbatoio ha una capacità dai 95 ai 170 litri: ogni litro in più comporta un peso aggiuntivo che il veicolo deve trasportare. Il rabbocco dell’acqua può essere effettuato nella maggior parte delle stazioni di servizio e in tutti i campeggi.

3. Caricare in modo disomogeneo il camper

Non è opportuno caricare a bordo tutti i bagagli in modo caotico e scriteriato. In generale bisogna collocare gli oggetti pesanti in basso e quelli leggeri in alto, di modo che il mezzo si stabilizzi grazie a un baricentro basso. Disponete le cose in modo logico, così sarà anche facile ritrovarle.

4. Non fissare il carico

Non dimenticatevi che il camper si muove! Tutti gli oggetti, pertanto, devono essere sistemati adeguatamente. Solitamente nei camper le stoviglie sono ben fissate, altrimenti ci si può avvalere di appositi sistemi. Per far sì che il conducente non venga distratto durante la marcia, prima della partenza bisognerebbe verificare che sulle mensole non si trovino oggetti che potrebbero cadere facilmente. In caso contrario conviene trovare una collocazione più sicura: nei camper, di regola, sono presenti sufficienti vani portaoggetti.

5. Partire senza aver provato a guidare il camper

Non si dovrebbe mai partire senza aver provato il mezzo: altrimenti il viaggio può trasformarsi in una disavventura. Anche chi normalmente è sicuro alla guida deve tenere conto che i camper, ad esempio, presentano caratteristiche di frenata e condizioni di visibilità diverse rispetto alle auto. La prova, inoltre, andrebbe ripetuta quando il veicolo è completamente carico e quindi più pesante.

6. Guidare fino allo stremo

Chi vuole guidare il più possibile senza pause, in modo da arrivare quanto prima a destinazione, può andare incontro ad alcuni problemi. 

  • Problema 1: visto che le maratone sono faticose, è il caso di iniziare le vacanze con uno sforzo del genere?
  • Problema 2: viaggiare senza fermarsi può essere pericoloso, soprattutto di notte e quando si è molto stanchi.
  • Problema 3: se si viaggia con la famiglia, i bambini possono diventare insopportabili se devono starsene seduti per ore senza potersi muovere.

Si raccomanda quindi di programmare pause regolari e, se possibile, un cambio conducente.

7. Cercare per forza un posto al sole

Amanti del sole, attenzione: il troppo sole non fa male soltanto alla pelle, ma anche al sonno. Chi parcheggia il proprio camper in una piazzola completamente al sole, infatti, farà poi fatica a eliminare il calore estivo dal mezzo. Di notte sembrerà di stare in una sauna e non si riuscirà a riposare bene. Meglio dunque scegliere un posto all’ombra.

8. Rinviare lo smaltimento dell’acqua di scarico

Tra i compiti più ingrati da svolgere durante le vacanze in camper si annovera lo smaltimento dell’acqua di scarico. In questa operazione si distingue tra le acque grigie (grey water) di docce e lavandini e le acque nere (black water) della toilette. Queste ultime, in particolare, andrebbero svuotate ogni un paio di giorni per evitare sgradite sorprese quando si va in bagno.

9. Fare tutto da sé

Non siete né MacGyver né Bear Grylls. Chi non se ne intende di fai da te dovrebbe affidarsi a un negozio specializzato, dove poter ricevere consulenze professionali per l’acquisto di tende, sacchi a pelo e altri accessori.

10. Essere asociali

I campeggi e le aree di sosta sono i luoghi ideali per conoscere persone nuove. A meno che non vi troviate in un posto totalmente appartato, sono molte le opportunità per fare conoscenze e incontrare persone con interessi simili. Gli unici incontri da evitare sono quelli con zanzare e formiche. Per tenerle lontane, vi suggeriamo di utilizzare un profumo alla citronella attorno alla tenda o al veicolo. Chi vuole stare alla larga anche dalle persone dovrebbe informarsi sui mezzi da spedizione, sul campeggio libero e sulle regole delle aree di sosta.

Buon divertimento per il vostro primo viaggio in camper!
Questo articolo è stato utile?
No
89%
degli utenti ha trovato questo articolo utile
55 valutazioni
 

Saperne di più

Potrebbe interessarvi anche

Offerte del TCS

Newsletter
Reti sociali
Rivista Touring
Nuovi prodotti & giubilei
 
Si prega di pazientare un attimo
Stiamo ottimizzando il nostro sito, ciò che può comportare tempi di caricamento più lunghi.