Tessera di socio
TCS Mastercard
Fattura


Muffa indesiderata nei veicoli da campeggio

Deumidificare camper e roulotte in modo produttivo

La muffa si forma quando l’umidità dell’aria raggiunge regolarmente valori troppo elevati e condensa a contatto con le superfici fredde. Gli specialisti del clima della Krüger + Co. SA svelano come deumidificare efficacemente camper o roulotte, quali possibili misure adottare durante l’inverno e come intervenire se si dovesse comunque formare della muffa. Così viaggiare in camper o roulotte rimarrà un piacere.

Nei camper e nelle roulotte, il problema di un’elevata umidità dell’aria si manifesta nelle giornate afose, dopo aver cucinato e fatto una doccia, oppure in inverno. Con un tasso regolarmente superiore al 70 percento possono formarsi ruggine, muffa, tanfo e odore di marcio. In questi casi, per evitare il problema è necessario deumidificare.

Deumidificatori per autorimesse per l’inverno

In inverno, camper e roulotte vengono spesso parcheggiati in un garage o un’autorimessa. Con gli odierni sistemi costruttivi, di solito questi locali sono scarsamente o per niente riscaldati. Ed è soprattutto fra ottobre e marzo, quando le temperature sono più fredde, che l’umidità all’interno aumenta drasticamente, sviluppando muffa, tanfo e ruggine. Per evitare che si formi la muffa, durante questo periodo dovremmo rimuovere da camper e roulotte tutto ciò che può assorbire umidità, come imbottiture, tappeti, carta o tessili. Tirate su imbottiture non rimovibili e materassi, in modo che l’aria riesca a circolare tutt’intorno. Lasciate aperti armadi e cassetti.

A chi vuole andare sul sicuro si consiglia un deumidificatore ad adsorbimento per autorimesse. Gli specialisti della Krüger + Co. SA possono contare su molti anni di esperienza nel campo della deumidificazione ad adsorbimento. Questa modalità di deumidificazione, al contrario di quella a condensazione convenzionale, funziona in modo affidabile anche a basse temperature, quindi anche in un’autorimessa durante la stagione fredda. 

La Krüger offre soluzioni su misura per ogni autorimessa, che sia un’installazione in spazi ristretti o con un modulo supplementare di recupero del calore. Così camper e roulotte saranno protetti, insieme a tutta la loro dotazione.

Far asciugare più rapidamente la veranda bagnata e l’attrezzatura da campeggio

Il giorno della partenza piove e, volenti o nolenti, bisogna ripiegare la veranda (con o senza pareti laterali) e il relativo tappeto bagnati o umidi e farli asciugare una volta giunti a casa. 

Per un’asciugatura più semplice e veloce degli oggetti appesi è possibile avvalersi di deumidificatori portatili come AreaDry8 oppure di un’asciugatrice Secomat. Così veranda e annessi possono essere riposti rapidamente nella roulotte senza il rischio che si formino muffa e tanfo.

Deumidificare durante il campeggio

Il rischio di muffa all’interno del camper non si limita solo ai mesi invernali. È infatti durante i periodi di transizione, con il riscaldamento in funzione e le temperature esterne molto più fredde, che l’umidità aumenta considerevolmente. Così spesso si forma della condensa sulle superfici interne. Inoltre, il rischio di muffa aumenta anche durante le afose giornate estive e dopo aver cucinato o fatto una doccia in camper se l’umidità prodotta non viene eliminata.

Con un igrometro o diversi dispositivi di monitoraggio a distanza si può tenere sotto controllo l’umidità all’interno e adottare per tempo le opportune contromisure. Arieggiare regolarmente può essere di aiuto, soprattutto creando brevi correnti d’aria per abbassare il grado di umidità. Gli accumuli di condensa sui vetri o sulle pareti devono essere asciugati regolarmente con un panno asciutto.L’utilizzo di deumidificatori portatili serve fino a un certo punto perché, per funzionare in modo ottimale, dovrebbero trovarsi in un ambiente chiuso, e in camper l’aerazione è forzata. Chi dispone di un climatizzatore mobile può utilizzarlo come modesto deumidificatore per far fronte ai picchi di umidità all’interno.

E se la muffa si forma comunque...

  • Innanzitutto bisogna sempre individuare la causa della muffa ed eliminarla. Le ragioni possono essere molteplici, per questo è bene che le accerti e le risolva uno specialista.
  • Dopodiché occorre pulire i punti in cui era presente la muffa con un disinfettante specifico, in grado di uccidere e rimuovere le spore.
  • Se la muffa si è formata anche sui tessili, buttateli via oppure trattateli anch’essi con il disinfettante e lavateli ad almeno 60 gradi.
Questo articolo è stato utile?
No
80%
degli utenti ha trovato questo articolo utile
128 valutazioni
 

partner:

Condividere
durckenE-MailFacebookTwitter

Saperne di più

Newsletter
Reti sociali
FacebookInstagramTwitterLinkedInYouTube
Rivista Touring
Rivista Touring
Apps
Nuovi prodotti & giubilei
50 Jahre Rechtsshutz
60 Jahre ETI Schutzbrief
Mitgliedschaft Familien
 
La preghiamo di pazientare un momento.
Il Suo ordine è in fase di elaborazione.