E-bike usata, consigli per l’acquisto

Una bici elettrica d’occasione può essere un affare. Ma prima di concludere, l’oggetto deve essere controllato minuziosamente.


E-bike ad un prezzo vantaggioso: attenzione ai pezzi di ricambio

Uno sguardo al mercato dell’usato evidenzia che v’è un’offerta ampia quanto diversificata di bici elettriche. Al tempo stesso si nota che le e-bike subiscono un forte deprezzamento nel giro di poco tempo, spiegabile da un lato con l’incalzante innovazione dei prodotti e dall’altro con il fatto che i componenti sono soggetti a rapida usura e che ricambi per i modelli più vecchi sono spesso difficili da reperire.

Ciò premesso, si trova merce di buona qualità e a prezzi interessanti. Va da sé che prima di decidere si valuterà attentamente lo stato generale, le parti meccaniche e soprattutto quelle elettriche della bici d’occasione. Occhio alla batteria, che costituisce l’elemento decisivo. È poi importante informarsi sulla disponibilità di pezzi di ricambio per quel particolare modello. Di regola, il costo di una bici elettrica usata è molto più basso rispetto al suo prezzo di listino pagato anche recentemente. Confronti su internet dimostrano infatti che nel primo anno una due ruote elettrica perde circa il 30% del valore, dopo due anni vale appena la metà.

Le batterie invecchiano

Prima di comprare una bici elettrica d’occasione, è fondamentale valutare lo stato del motore e dell’accumulatore per capirne bene la vita residua. In funzione della potenza e dell’autonomia, la batteria dura mediamente cinque o sei anni. Si farà bene a verificare se ve ne sono ancora in commercio e quanto costerà cambiarla. A seconda del modello di e-bike, si dovrà prevedere una spesa da meno di 500 a 1000 e più franchi.

Alternativamente vi sono aziende specializzate nella rigenerazione di vecchie batterie, operazione che consiste nel sostituirne il pacco con nuove celle (ad es. MES Mobil Energy Services GmbH).

Esempi del costo di una batteria per e-bike
Modèles Prix (CHF)

Bosch Classic e PowerPack (400 Wh) da telaio

599.–

Bosch Performance PowerPack (500 Wh) da telaio

849.–

Bosch Power Tube (500 Wh) orizzontale

859.–

Bosch Power Tube (500 Wh) verticale

859.–

Shimano Steps BT-E8020 (500 Wh) montaggio integrato al telaio

769.–

Shimano Steps (418 Wh) da portapacchi

579.–

Fazua Evation 1.0 (250 Wh)

499.–

BMZ PowerPack per sistema Flyer 26V (454 Wh)

649.–

Panasonic SIB 2.0 (630 Wh) Flyer

1190.–

Panasonic 26V agli ioni di litio manganese (416 Wh) Flyer

890.–

Panasonic 36V agli ioni di litio manganese, Deluxe dal 2012 (554 Wh) Flyer

1150.–

Panasonic 36V agli ioni di litio manganese, Next Generation dal 2014 (540 Wh) Flyer

990.–

Modèles

Bosch Classic e PowerPack (400 Wh) da telaio

Prix (CHF)

599.–

Modèles

Bosch Performance PowerPack (500 Wh) da telaio

Prix (CHF)

849.–

Modèles

Bosch Power Tube (500 Wh) orizzontale

Prix (CHF)

859.–

Modèles

Bosch Power Tube (500 Wh) verticale

Prix (CHF)

859.–

Modèles

Shimano Steps BT-E8020 (500 Wh) montaggio integrato al telaio

Prix (CHF)

769.–

Modèles

Shimano Steps (418 Wh) da portapacchi

Prix (CHF)

579.–

Modèles

Fazua Evation 1.0 (250 Wh)

Prix (CHF)

499.–

Modèles

BMZ PowerPack per sistema Flyer 26V (454 Wh)

Prix (CHF)

649.–

Modèles

Panasonic SIB 2.0 (630 Wh) Flyer

Prix (CHF)

1190.–

Modèles

Panasonic 26V agli ioni di litio manganese (416 Wh) Flyer

Prix (CHF)

890.–

Modèles

Panasonic 36V agli ioni di litio manganese, Deluxe dal 2012 (554 Wh) Flyer

Prix (CHF)

1150.–

Modèles

Panasonic 36V agli ioni di litio manganese, Next Generation dal 2014 (540 Wh) Flyer

Prix (CHF)

990.–

(Esempi tratti dal listino di Veloplus. I prezzi possono variare a seconda del fornitore nonché della marca e del modello di bici. Differenze si riscontrano anche fra batterie nuove e rigenerate.)

Manutenzione della batteria di una bici elettrica

Un trattamento corretto è essenziale per la vita della batteria, che comunque si degrada progressivamente anche se la bici non viene usata. Non sono quindi tanto i chilometri percorsi ad essere determinanti bensì la durata di conservazione (shelf-life).

È una questione di definizione da quando una batteria sia da ritenersi esaurita. Una perdita di capacità del 5% circa all’anno è da considerarsi normale, il 10% è sempre nel margine di tolleranza. Ciò significa che dopo quattro anni la capacità di accumulo di una pila al litio tende a collocarsi intorno all’80% di quella iniziale.

Cura della batteria :

  • In caso di non utilizzo prolungato – specie d’inverno – staccare e conservare in luogo asciutto a più di 7 °C al riparo dal freddo che rischia di danneggiare la batteria. 
  • Temperatura di stoccaggio ideale: da 10 a 20 °C.
  • Evitare le scariche profonde. La batteria deve essere conservata a metà carica. Verificare regolarmente e se necessario ricaricarla.
  • Se l’e-bike viene usata anche nella stagione fredda, aspettare che la batteria si riscaldi un po’ prima di ricaricarla. Se possibile ricaricare lentamente. 
  • Non sollecitarla al massimo subito dopo una sosta prolungata all’esterno. Attendere qualche minuto. Quando la temperatura del nucleo torna sopra lo zero, la batteria eroga di nuovo potenze normali.

Check-up approfondito

Consigliamo di prendere in considerazione soltanto bici tenute bene, controllando la presenza di graffi e altri segni di intensa sollecitazione, rotture e guasti da cadute. Anche pause estese possono compromettere il funzionamento dell’e-bike.

È bene informarsi per quanto tempo è rimasta inattiva durante l’inverno e dove è stata riposta.

  • Macchie di ruggine su bulloni e dadi lasciano supporre che l’e-bike è stata ferma in un posto umido.
  • Catena, pignone e punti di difficile accesso sporchi o incrostati possono tradire errori e negligenze.
  • Le pastiglie dei freni sono usurate? 
Alcune marche forniscono un libretto di manutenzione simile a quello delle auto.

Provare l'e-bike su strada

Dopo l’esame visivo si raccomanda di fare un classico giro di prova, richiesta cui nessun venditore serio si opporrà.

  • Più lunga l’uscita, meglio si potrà comprovare lo stato della batteria e se l’autonomia e l’assistenza alla pedalata corrispondono ai propri bisogni. Le marce s’inseriscono fluidamente? Il motore lavora morbido e senza intoppi? Reagisce istantaneamente oppure è lento a rispondere ai comandi?
  • Una serie di rapidi avvii e arresti permette di verificare la forza ed efficacia dei freni.
  • Smontate e rimontate display e batteria. I contatti devono essere puliti e i connettori devono innestarsi senza fatica.
  • Anche le luci, che sulle e-bike devono essere installate fisse, vanno controllate.

Attenzione: eventuali riparazioni, adattamenti o equipaggiamenti da ag- giungere o far eseguire dopo l’acquisto possono rivelarsi onerosi.

Rapporto diagnostico

Passando per un negozio specializzato e a seconda del modello di bicicletta si potrà richiedere un rapporto diagnostico di efficienza energetica completo con il numero di cariche e lo stato di salute generale della batteria. Così si potrà estrapolare il chilometraggio totale e quindi il livello di usura generale del veicolo a due ruote, sistema di trazione, impianto frenante, telaio e ruote comprese.

Condividere
durckenE-MailFacebookTwitter

Ulteriori consigli del TCS per l'acquisto di un'e-bike d'occasione

Offerte del TCS

Newsletter
Reti sociali
Rivista Touring
Nuovi prodotti & giubilei
 
Si prega di pazientare un attimo
Stiamo ottimizzando il nostro sito, ciò che può comportare tempi di caricamento più lunghi.