Coronavirus : il TCS porta assistenza a 81 soci

Mentre l'OMS ha appena dichiarato un'emergenza sanitaria globale, il TCS ha già fornito assistenza a 81 dei suoi soci. In collaborazione con il DFAE, la task force TCS fornisce consulenza medica, organizza il rientro in Svizzera e annulla i viaggi nelle zone colpite dall'epidemia.

31 gennaio 2020

 Intanto che il Coronavirus continua a mietere vittime in Asia, il TCS ha già fornito assistenza a 81 soci e ricevuto più di 250 chiamate dall’inizio della crisi.

Più in dettaglio, sono stati aperti 130 casi per assistere i soci in difficoltà i cui viaggi sono stati colpiti. Il TCS copre i costi per i viaggiatori che si trovano in Cina e vogliono anticipare il loro ritorno in Svizzera. I titolari del Libretto ETI Mondo che avevano programmato un viaggio in Cina e il cui viaggio ha dovuto essere annullato sono coperti fino al 10 febbraio 2020 compreso. Infine, i soci che si trovano in Asia o che sono recentemente tornati in Svizzera ricevono un parere medico sulle precauzioni da prendere.

"Per affrontare questo evento straordinario, la centrale ETI ha organizzato una task force dedicata a questa crisi e siamo pronti ad aumentare le nostre risorse se l'epidemia dovesse aggravarsi ulteriormente", ha dichiarato Jürg Wittwer, direttore generale del TCS.

In contatto con la centrale di assistenza ETI grazie all'applicazione del TCS
Grazie al modulo "Travel Safety" integrato nell'applicazione TCS, la centrale di assistenza ETI può coordinare l'assistenza a distanza. Questo modulo permette di conoscere la posizione geografica del socio e di inviargli aiuto e consigli in caso di eventi pericolosi. Le persone in Cina che hanno l'applicazione TCS con una connessione internet in loco possono contattare il TCS e ricevere informazioni personalizzate.

Un ulteriore comunicato stampa seguirà se ci saranno sviluppi significativi per quanto riguarda il numero di soci colpiti dall'epidemia.

Raccomandazioni del Dott. Jean-Claude Ghaleb, dirigente medico del TCS

Durante il periodo di incubazione (da 1 a 12 giorni), il vettore 2019-nCoV è contagioso prima dei primi sintomi (febbre, tosse, respiro corto).

In caso di sintomi, per una persona che rientra da un'area a rischio o che è stata a stretto contatto (da 15 minuti a meno di un metro) con una persona che è o potrebbe essere infetta, è necessario chiamare il medico curante o la hotline dedicata al 058 463 00 00 prima di consultarsi, per ridurre il rischio di contaminare altre persone in sala d'attesa o sui mezzi pubblici, ad esempio.

In caso di sospetto di essere portatori o infetti dal virus, è essenziale stare lontani (> 2 metri) da altre persone, indossare una semplice maschera, disinfettarsi spesso le mani con una soluzione alcolica o gel, tossire sul gomito, utilizzare fazzoletti monouso, da smaltire esclusivamente in contenitori con coperchio e lavare i vestiti a 60°.

Per le persone che non sono infette, soprattutto quelle indebolite dall'età (bambini e anziani), dalla malattia o dalla sua cura (immunosoppressione), è necessario evitare la promiscuità, soprattutto in luoghi confinati (trasporti, sale d'attesa, folle, ecc.) ed evitare il contatto con gli animali (vivi o morti) nelle zone a rischio. Indossare semplici maschere è veramente efficace solo per proteggere gli altri. Per le persone non infette che devono essere a contatto con persone infette, si dovrebbero evitare semplici maschere e si dovrebbero usare solo le cosiddette maschere "FFP2".

Foto
Laurent Pignot
Laurent Pignot
Telefono +41 58 827 27 16
Telefono +41 76 553 82 39
Condividere
durckenE-MailFacebookTwitter
Newsletter
Reti sociali
Rivista Touring
Nuovi prodotti & giubilei
 
Si prega di pazientare un attimo
Stiamo ottimizzando il nostro sito, ciò che può comportare tempi di caricamento più lunghi.