Crit’Air-Vignetta in Francia

Per attraversare le zone a traffico limitato nelle città francesi, è necessario esporre la vignetta «Crit’Air». Questo vale anche per i veicoli immatricolati in Svizzera.


Molte le zone a circolazione ridotta ZCR, in città come Parigi, Lione, Grenoble, Lilla e Strasburgo, mentre se ne sta discutendo per la Valle d’Arve fra Ginevra e Chamonix. Il bollino Crit’Air è un adesivo rotondo che va incollato ben visibile sul veicolo (parabrezza, finestrino lato passeggero).

Sei categorie di classificazione di un veicolo

Esiste in 6 colori, uno per ciascuna categoria di veicoli definita in funzione delle emissioni inquinanti. La classificazione è identica in tutta la Francia. Tuttavia, ogni municipalità può scegliere gli incentivi e i veicoli toccati in funzione della situazione locale. Le disposizioni emanate vengono comunicate agli utenti della strada tramite la segnaletica stradale.

Il bollino Crit’Air è venduto a circa 4.20 euro dal Ministero dell’ambiente www.certificat-air.gouv.fr (in francese) o per circa 30 euro tramite terzi. Chi non avesse dimestichezza con tale procedura, oppure non possiede una carta di credito, può rivolgersi ad un centro di contatto TCS dove Crit’Air costa CHF 24.- (non soci, CHF 28.-).

ZCR oder ZPA?

ZCR - Zones à Circulation Restreinte

Sempre in vigore, le zone a circolazione limitata sono state create per escludere dai centri urbani le auto vecchie e troppo inquinanti. I divieti di ingresso si applicano secondo la definizione dell'autorità competente. A Parigi, per esempio, solo i veicoli muniti di un bollino Crit'Air possono accedere alle zone ZCR. 

ZPA - Zones de protection de l’air

Le zone di protezione dell’aria sono decretate temporaneamente nelle agglomerazioni o nei raggruppamenti di comuni. La regolamentazione è applicabile solo in caso di picchi di inquinamento persistenti. Più precisamente quando i limiti per le emissioni di polveri fini o biossido di azoto sono stati superati durante diversi giorni. A seconda delle circostanze, i divieti di circolazione interessano l’uno oppure l’altro tipo di certificato Crit’Air, oppure le targhe pari o dispari.

Caso speciale: prima immatricolazione prima del 1997

I veicoli più vecchi non ricevono la Vignetta Crit'Air. Interessate sono le auto con una prima immatricolazione risalente a prima del 1° gennaio 1997 e le moto con una prima immatricolazione risalente a prima del 1° giugno 1999. Questi veicoli, quindi, non possono sempre attraversare le zone a traffico limitato, se non di notte (dalle 20:00 alle 8:00) e nei fine settimana.

Zone a traffico limitato in Francia

Parigi - ZCR, ZPA e ZFE

Nella capitale la zona ZCR permanente si estende a tutto il territorio comunale entro il «Boulevard périphérique», la circonvallazione parigina. Il Boulevard stesso non rientra in quest'area. Il Bois de Boulogne e il Bois de Vincennes non appartengono alla ZCR, nonostante facciano parte del territorio comunale. Dal lunedì al venerdì fra le 8:00 e le 20:00 sono ammessi solo i veicoli con Crit'Air di categoria 1, 2 e 3. Per mezzi pesanti e camion queste restrizioni valgono anche nel weekend.

In caso di allerta inquinamento, anche a Parigi scatta una ZPA che include la periferia e aree che si trovano all’interno della circonvallazione A86 (area metropolitana). Entrambi gli aeroporti, Paris-Charles de Gaulle e Paris Orly, così come Disneyland Paris (Eurodisney), ne sono esclusi, e non sono soggetti a restrizioni del traffico.

Da luglio 2019 Parigi ha un’ulteriore zona a basse emissioni, la Zone Grande Paris ZFE, delimitata dall’autostrada A86. Quest’area comprende 47 dei 79 comuni appartenenti alla Grande Parigi. Qui, le auto senza vignetta o con vignetta Crit’Air 5 non possono circolare. Questa regola viene applicata dal lunedì al venerdì dalle ore 8:00 alle ore 20:00.

Grenoble - ZCR e ZPA

Il nucleo storico di Grenoble, pur ZCR permanente, per il momento è vietato solo ai veicoli commerciali. A Grenoble sono però state definite delle ZPA che, in caso di persistente allerta inquinamento (Alert Pollution) valgono temporaneamente. Il provvedimento viene comunicato mediante pannelli elettronici luminosi e reso noto sulle emittenti radiofoniche e televisive locali e sui quotidiani. L’allerta è valida fino alle ore 15 del giorno successivo. Su questo arco di tempo i veicoli senza bollino Crit’Air non hanno il diritto di circolare nelle aree interessate. A partire dal settimo giorno di allerta potranno transitare solo i veicoli muniti di un bollino Crit’Air 1 - 3, mentre saranno esclusi dal traffico i veicoli di classe Crit’Air 4 e 5. In base a quanto comunicato dall’amministrazione di Grenoble, l'eco vignetta Crit’Air sarà necessaria anche sulle autostrade che attraversano la propria area metropolitana. L’obbligo del bollino Crit’Air inizia a nord della città di Grenoble, sull’A48 al casello di Voreppe, a sud di Grenoble, sull’A51 al casello Le Crozet/Vif e, ad ovest, sull’A41 al casello Crolles. Il bollino è altresì obbligatorio sulla trasversale A480.

Lione - ZPA

Lione manca del tutto di ZCR. In caso di elevati valori d’inquinamento, a Lione scatta un divieto di circolazione alternato, che vale per l’area urbana nonché la vicina Villeurbanne. Ciò significa che il divieto riguarda determinate categorie a giorni alterni nel senso che targhe pari possono circolare nei giorni pari, le targhe dispari nei giorni dispari. A differenza di Grenoble, per Lione le autostrade A6, A7 e la A42 non sono interessate dalla restrizione al traffico. In caso di allerta D2 possono circolare solo veicoli con bollino Crit'Air 0, 1, 2, 3, indipendentemente dalla targa. Veicoli della categoria 4 e 5 possono invece circolare nei giorni pari o dispari a seconda della targa. Con allerta D3 possono circolare solo le tre categorie meno inquinanti 0, 1 e 2. Le rimanenti sono soggette al divieto di circolazione alterno. Il blocco assoluto vale invece per automobili immatricolate prima dell'01.01.1997, camion immatricolati prima dell'01.10.2001 e due ruote messe in circolazione prima dell'1.6.2000.

Lilla - ZPA

La zona ZPA comprende 12 comuni della regione di Lilla : Lilla, Hellemmes, Lomme, Lambersart, La Madeleine, Lezennes Marcq en Baroeul, Marquette-lez-Lille, Mons-en-Baroeul, Ronchin, Saint André-lez-Lille e Sequedin. Le autostrade A1, A22 et A25 non sono interessate. In caso di picchi di inquinamento, la prefettura imporra imporrà adeguate restrizioni al traffico. È prevedibile che solo i veicoli muniti di un bollino Crit'Air di categoria da 0 a 3 possano circolare nella zona.

Una zona ZCR dovrebbe essere introdotta a Lilla nell'autunno 2019. 

Strasburgo - ZPA

È stata definita una ZPA per la regione di Strasburgo, che comprende 33 comuni. In caso di picchi di inquinamento, la popolazione sarà dapprima invitata a ridurre il più possibile i consumi. Se non si notano miglioramenti dopo il primo giorno, i limiti di velocità su autostrade e superstrade saranno ridotti di 20 km/h a partire dal secondo giorno. Il terzo giorno, i limiti di velocità saranno ridotti su tutte le strade. A partire dal 4° giorno, saranno imposte restrizioni al traffico e i veicoli con una vignetta Crit'Air di categoria 4 e 5 non potranno più viaggiare nella zona ZPA.

Esiste una zona ZCR per i veicoli di peso superiore a 7,5 tonnellate.

Tolosa - ZPA

L'intera area metropolitana di Tolosa è stata dichiarata zona di protezione dell'aria (ZPA). L'area è delimitata dai viali A62, A61 e A620, che non appartengono alla zona a traffico limitato. Possono essere imposte restrizioni in caso di inquinamento elevato. I veicoli delle categorie 4 e 5 della vignetta Crit'Air non possono più entrare nella zona ZPA.

Chambéry - ZPA

Da maggio 2018 esiste anche una zona ZPA a Chambéry in cui la vignetta Crit'Air è obbligatoria. Se l'inquinamento atmosferico è troppo elevato, solo i veicoli appartenenti ad una certa categoria possono circolare in quest'area. 

Rennes - ZPA

Dall'ottobre 2018, a Rennes c'è una ZPA. In caso di superamento dei valori limite, i limiti di velocità su autostrade e superstrade vengono ridotti di 20 km/h il primo giorno. Inoltre, i biglietti per i trasporti pubblici sono disponibili a prezzi ridotti. A partire dal quarto giorno sopra il valore limite, solo i veicoli che soddisfano almeno la categoria 5 di Crit'Air sono autorizzati a circolare, e a partire dal sesto giorno quelli della categoria 3.

Annecy – ZPA

Da gennaio 2018 Annecy ha una ZPA che viene applicata al centro città in caso di picchi di inquinamento.
In caso di picchi di inquinamento, la popolazione sarà dapprima invitata a ridurre il più possibile i consumi. Se non si notano miglioramenti dopo il primo giorno, i limiti di velocità saranno ridotti di 20 km/h a partire dal secondo giorno. Nei giorni successivi possono essere imposte restrizioni in caso di inquinamento elevato. In questo caso, i veicoli delle categorie 4 e 5 della vignetta Crit'Air non possono più entrare nella zona ZPA.

Marsiglia - ZPA

Da giugno 2019 Marsiglia dispone di una ZPA che viene attivata in caso di picchi di inquinamento.
A partire dal secondo giorno sopra il valore limite, i mezzi pesanti >3,5 t non possono più accedere alla ZPA. A partire dal quarto giorno sopra il valore limite, si applicano restrizioni di circolazione per tutti i veicoli che non hanno la vignetta Crit’Air e per quelli che hanno le categorie 4 e 5 della vignetta Crit'Air. Le restrizioni vengono attivate l’indomani dopo l’annuncio fra le ore 6:00 e le ore 20:00, fino a quando la qualità dell’aria ritorna al limite consentito.

Domande?

Nella nostra guida trovate tutte le informazioni utili sulla vignetta Crit'air e le istruzioni su come ordinarla.

Condividere
durckenE-MailFacebookTwitter

Potrebbe interessarvi anche

Offerte del TCS

Newsletter
Reti sociali
Rivista Touring
Nuovi prodotti & giubilei
 
Si prega di pazientare un attimo
Stiamo ottimizzando il nostro sito, ciò che può comportare tempi di caricamento più lunghi.