Come programmare un viaggio di lunga durata con il camper?

Pratiche amministrative per un viaggio di lunga durata all’estero: consigli e istruzioni


Dai campeggiatori per i campeggiatori!

Autrice: Stephanie Köllinger, socia TCS Camping e appassionata di campeggio. Ama viaggiare in camper in Europa per lunghi periodi con l’amica Sarah e il cane Filou.

Stephanie et Sarah avec leur chien Filou
Immagine: Stephanie e Sarah e il cane Filou

Esplorare il mondo su quattro ruote per mesi o addirittura anni. Essere liberi e indipendenti, partire semplicemente senza una meta precisa e senza alcuna fretta. Sono in tanti a sognare un’esperienza di questo tipo. 

Ma nella pratica, come si programma un viaggio di lunga durata? Quali preparativi occorre effettuare, quali assicurazioni servono e, soprattutto, quanto costa in definitiva un viaggio del genere?

Con i seguenti consigli e informazioni utili vi accompagneremo nella fase di preparatoria. La guida non ambisce a essere esaustiva, in quanto un viaggio di lunga durata varia a seconda di molti fattori individuali. In questa sede non è possibile trattare dettagliatamente tutti gli aspetti.

Il veicolo giusto

Per primissima cosa serve naturalmente un veicolo adeguato. La scelta spetta a voi: potete optare per un camper spazioso e moderno, un vecchio pulmino VW T3, una roulotte, un camper ricavato autonomamente da un altro mezzo, ecc. 

Di quali caratteristiche e requisiti deve disporre per voi un veicolo? Quali punti ritenete importanti? Quali meno? Ogni veicolo ha i suoi vantaggi e svantaggi: qui trovate preziosi suggerimenti per il vostro acquisto!

Questioni amministrative

Nella programmazione di un viaggio di lunga durata occorre pianificare, verificare e preparare diverse cose. Oltre che pensare ad aspetti entusiasmanti come la meta e la data di partenza, bisogna considerare naturalmente anche numerose questioni amministrative. 

Ad esempio le assicurazioni necessarie, la gestione della casa in vostra assenza e il costo di un viaggio del genere. È di questioni come queste che dovete occuparvi in fase di programmazione. Spesso determinati fattori dipendono da altri fattori. E dato che per i viaggi di lunga durata ci si chiede spesso se sia necessario notificare la propria partenza dalla Svizzera o meno, iniziamo con questa domanda. La risposta, infatti, influisce sul resto della programmazione in riferimento ad assicurazioni, imposte, ecc.

È opportuno notificare la mia partenza dalla Svizzera?

È opportuno o addirittura obbligatorio notificare la mia partenza dalla Svizzera? Come funziona e come incide la notifica di partenza sul mio viaggio? Non è così semplice rispondere a questa e ad altre domande sul tema. Le seguenti indicazioni mirano a illustrarvi gli aspetti di cui tener conto in questa decisione. 

A tal proposito è naturalmente importante considerare la durata effettiva del vostro viaggio. Se si tratta soltanto di qualche mese, di norma non conviene sobbarcarsi l’onere amministrativo della notifica di partenza e di rientro. Se invece avete in programma di viaggiare per un anno o più, allora ha sicuramente senso notificare la partenza. Ricordatevi anche, però, che ci sono regole specifiche per la notifica della partenza dalla Svizzera e che queste variano a livello comunale. Certi Comuni richiedono una notifica ufficiale di partenza dalla Svizzera già per un’assenza di qualche mese, altri invece soltanto per un allontanamento superiore all’anno. In ogni caso potete cercare di trovare un accordo con il Comune. Soprattutto se intendete tenere la vostra abitazione e sapete esattamente quando tornerete, è auspicabile che il Comune chiuda un occhio. Informatevi per tempo sul dettaglio dei regolamenti presso gli uffici comunali preposti!

La notifica di partenza dalla Svizzera richiede una serie di pratiche amministrative, tuttavia risulta conveniente dal punto di vista finanziario.
Ad esempio non siete soggetti all’imposizione fiscale; all’atto della notifica di partenza dovete compilare una dichiarazione infrannuale d’imposta (e naturalmente saldarla), ma a seguire non dovete più pagare imposte o tasse come il contributo compensativo per il servizio pompieri, l’imposta sui cani, ecc. Un altro vantaggio è che potete disdire in via straordinaria svariati contratti e abbonamenti, ad esempio l’abbonamento del cellulare o dei mezzi pubblici oppure l’assicurazione della mobilia domestica.

Uno dei maggiori vantaggi a livello finanziario di una notifica di partenza dalla Svizzera è costituito dall’esenzione dalla cassa malati. È consigliabile tuttavia consultare anticipatamente la vostra attuale cassa malati, perché alcune ora richiedono l’attestazione di un nuovo domicilio all’estero – documento che probabilmente non siete in grado di presentare. Chiedete informazioni via e-mail alla vostra cassa malati in tempo utile e conservate per sicurezza la corrispondenza. Una volta che siete riusciti a disdire l’assicurazione di base, potete procedere con la stipula di un’assicurazione malattia nazionale o internazionale per viaggi di lunga durata. Questo tipo di polizza è decisamente più economica delle comuni casse malati svizzere e, in caso di malattia e infortunio, garantisce comunque prestazioni identiche o simili.

Come si può ottenere un’assicurazione senza domicilio in Svizzera?

Se avete deciso di notificare la vostra partenza dalla Svizzera, a quel punto dovreste pensare alle vostre assicurazioni. Iniziate a occuparvene con congruo anticipo! Imprescindibili sono l’assicurazione malattia e contro gli infortuni, oltre che quella per il veicolo. Dovreste inoltre stipulare un’assicurazione di responsabilità civile privata. È altresì consigliabile un’assicurazione di viaggio che vi tuteli, ad esempio, in caso di furto dei vostri oggetti di valore. Può essere opportuno anche sottoscrivere un’assicurazione di protezione giuridica. Di base, quando stipulate una polizza assicurativa, dovreste sempre verificare se copre i relativi rischi nel vostro paese di destinazione. All’interno dell’UE non dovreste avere problemi, ma se ad esempio avete intenzione di andare in India passando per la Mongolia, allora vi conviene raccogliere tutte le informazioni del caso.

Esistono compagnie assicurative nazionali e internazionali che si sono specializzate nei viaggiatori e che non richiedono un domicilio stabile ai contraenti.

Programmare un viaggio di lunga durata con il camper
 

Indirizzo postale e procure

Se in vista di un viaggio di lunga durata notificate la vostra partenza dalla Svizzera, non disponete più di un domicilio ufficiale. In questo caso è utile poter comunque fornire un indirizzo postale svizzero, ad esempio quello di un parente o di un conoscente. È inoltre consigliabile conferire una procura a questa persona per le vostre attività bancarie e formalità burocratiche. In caso di necessità, questa persona può rappresentarvi in determinate circostanze e quindi evitarvi di ritornare appositamente in Svizzera. 

Ricordatevi che la maggior parte delle assicurazioni da voi stipulate finora, come cassa malati, assicurazione veicolo e assicurazione di responsabilità civile privata, prevede un domicilio in Svizzera. Nell’ipotesi di una notifica di partenza dalla Svizzera, pertanto, sarete obbligati a disdirle. Qualora doveste disporre presso una cassa malati di un’assicurazione complementare che desiderate mantenere al vostro ritorno, verificate insieme alla compagnia assicurativa se è possibile ottenere una sospensione temporanea.

Assicurazione di responsabilità civile privata

Potete sottoscrivere un’assicurazione di responsabilità civile privata ad esempio con CareConcept, una compagnia del gruppo assicurativo tedesco HanseMerkur.

Cassa malati

Sono numerosi gli operatori specializzati in casse malati. Tra questi si annovera World Nomads, particolarmente apprezzato dai giramondo, che in caso di malattia e infortunio fornisce prestazioni di livello simile o a volte persino migliori di un’assicurazione di base svizzera – a fronte di premi nettamente più convenienti. Queste casse malati specializzate, inoltre, offrono procedure in linea con le esigenze dei viaggiatori: con World Nomads, ad esempio, è possibile inviare una ricevuta delle spese mediche via Whatsapp.
Preferite optare per una cassa malati svizzera? Non ci sono problemi: potete scegliere ad esempio l’assicurazione malattie per l’estero della CSS oppure l’assicurazione malattie internazionale della KPT.

Assicurazione veicolo

Per quanto riguarda l’assicurazione del veicolo, di primo acchito la situazione appare un po’ più complicata, perché senza domicilio in Svizzera naturalmente non potete avere la targa. A tal proposito esiste tuttavia una soluzione molto semplice e conforme alla legge: basta far immatricolare il vostro veicolo a un’altra persona e inserire nel modulo di richiesta dell’assicurazione il vostro nome alla voce «conducente principale». In questo caso, voi e i vostri compagni di viaggio siete assicurati come se la polizza fosse stipulata a vostro nome. Non dimenticate assolutamente di verificare se l’assicurazione è valida nei vostri paesi di destinazione. Potete inoltre personalizzare la polizza in base alle vostre esigenze: a seconda della compagnia, potete far inserire garanzie aggiuntive come la copertura all’estero, la colpa grave, l’indennità giornaliera per infortunio, ecc. Pensate a quello di cui avete bisogno e fatevi consigliare in modo individuale dalla vostra assicurazione.
Volete uscire dai confini europei? Allora probabilmente vi servirà un Carnet de Passages, un documento internazionale che consente l’importazione temporanea in franchigia doganale del vostro veicolo nel vostro paese di destinazione. Potete richiederlo al TCS.

  • Importante: prima di partire, informatevi se la vostra licenza di condurre è sufficiente per la vostra destinazione di viaggio oppure se necessitate di una licenza di condurre internazionale.

AVS

Una notifica di partenza dalla Svizzera può avere effetti anche sulla vostra AVS: se non versate gli importi minimi annuali, infatti, al momento del pensionamento andrete incontro a riduzioni della rendita. Ma se non avete un nuovo domicilio all’estero, nonostante la notifica di partenza dalla Svizzera potete tranquillamente pagare i contributi minimi a posteriori (entro cinque anni). Questi versamenti andrebbero assolutamente effettuati, altrimenti quando andrete in pensione avrete lacune contributive che comporteranno una riduzione della vostra rendita. Per ulteriori informazioni rivolgetevi alla cassa di compensazione del vostro luogo di domicilio.

Cassa pensioni

Se avete deciso di intraprendere un viaggio di lunga durata, probabilmente lascerete il vostro posto di lavoro – a meno che non possiate lavorare a distanza. Se così non fosse, potreste far versare gli importi della vostra cassa pensioni su un conto di libero passaggio presso una banca a vostra scelta. Solitamente, senza domicilio all’estero, un prelievo dei vostri risparmi dalla cassa pensioni non è possibile (e nemmeno consigliabile).

Assicurazione per convenzione

Se avete un impiego, una volta cessato il vostro rapporto di lavoro, avete la possibilità di stipulare un’assicurazione per convenzione della durata massima di 6 mesi. L’assicurazione per convenzione è un’estensione dell’assicurazione contro gli infortuni di cui usufruivate quando lavoravate. Potete stipularla indipendentemente dal domicilio, tenendo conto che è possibile farlo soltanto entro 30 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro.

Rega

Siete iscritti alla REGA? La REGA offre le proprie prestazioni anche alle persone senza domicilio in Svizzera. Tesserarsi conviene per integrare, in caso di necessità, la vostra cassa malati e assicurazione contro gli infortuni.

Come notifico la partenza al mio Comune?

Di per sé la procedura di notifica della partenza al Comune è sorprendentemente semplice. Di norma, già 30 giorni prima della data di partenza programmata è possibile passare personalmente in Comune e provvedere ufficialmente alla notifica. Basta compilare un semplice modulo e avere con sé un documento d’identità. Con il certificato di avvenuta notifica di partenza che viene rilasciato dal Comune, si hanno a disposizione ancora 30 giorni di tempo per disdire la cassa malati e tutto il resto. Per sicurezza, presentatevi negli uffici comunali già qualche mese prima della notifica di partenza e chiedete informazioni precise sulla procedura.

Di cos’altro devo tenere conto?

La notifica di partenza dalla Svizzera può avere ricadute anche sui vostri conti bancari, qualora doveste informare le vostre banche in proposito. Molti istituti di credito, infatti, richiedono il domicilio in Svizzera come requisito per l’apertura e la tenuta di un conto bancario. Anche in questo caso, vi consigliamo di parlare con la vostra banca e di trovare insieme una soluzione. Se siete clienti della stessa banca già da molto tempo e potete dimostrare che rientrerete in un futuro non troppo lontano, forse potrete tenere il vostro conto. Se la vostra banca dovesse ostacolarvi, chiedete a un altro istituto di credito svizzero oppure informatevi sulle alternative. In Germania, ad esempio, ci sono banche che offrono conti con ottime condizioni che possono essere aperti semplicemente su Internet, senza dover disporre di un domicilio fisso. Tra queste figurano DKB e comdirect. Eventualmente potreste considerare anche una banca online come Revolut o N26. 

Se non avete un passaporto svizzero, ma soltanto il permesso C, valutate con cautela se è il caso di notificare la partenza dalla Svizzera. Questo perché potrebbe comportare la perdita del permesso C. In caso di problemi durante il viaggio, inoltre, non potete avvalervi dell’assistenza dell’Ambasciata svizzera. Se state pensando di procedere con la notifica di partenza, informatevi presso l’Ufficio della migrazione del vostro Cantone.

Altri link utili in tema di notifica della partenza dalla Svizzera

Scarica gratuitamente l’utile check-list

Scarica gratuitamente l’utile check-list
Perché nessun aspetto vada dimenticato, abbiamo preparato una check-list utile e pratica, che naturalmente può/deve essere integrata in base alle proprie esigenze.

Qui sono presenti altre check-list in tema di campeggio

Quanto costa un viaggio di lunga durata?

Molti sono sicuramente interessati al finanziamento di un viaggio di lunga durata e al suo costo effettivo. Anche in tema di risorse finanziare e budget, le possibilità sono varie tanto quanto il viaggio programmato e i viaggiatori stessi.

Questo argomento può essere approfondito qui.


Questo articolo è stato utile?
No
97%
degli utenti ha trovato questo articolo utile
30 valutazioni
 

Saperne di più

Potrebbe interessarvi anche

Offerte del TCS

Newsletter
Reti sociali
Rivista Touring
Nuovi prodotti & giubilei
 
Si prega di pazientare un attimo
Stiamo ottimizzando il nostro sito, ciò che può comportare tempi di caricamento più lunghi.