Tessera di socio
TCS Mastercard
Fattura


Riparazione delle batterie dell'e-bike

 
 

Quanto dura la batteria di un'e-bike e quali sono le soluzioni per ripararla?

In relazione alle batterie delle e-bike, viene spesso utilizzato il termine "stato di salute della batteria" (SOH state of health). Si riferisce alla capacità residua utilizzabile rispetto alla capacità della batteria nuova. Nel corso dell'utilizzo o dello stoccaggio, le batterie perdono la loro capacità a causa dei processi di invecchiamento. Dal momento della produzione della batteria, il contenuto energetico della batteria dell' e-bike può diminuire fino allo 0,5% ogni mese.

Il ciclista lo noterà soprattutto l'autonomia elettrica è ridotta. A questo punto, tuttavia, si raccomanda prudenza, poiché un'autonomia elettrica che non corrisponde alle specifiche del produttore non è necessariamente causata dll'invecchiamento della batteria. Il percorso, il carico, il peso del ciclista, la modalità di guida, la pressione degli pneumatici e lo stato di manutenzione generale della bicicletta, nonché la temperatura esterna, influenzano l'autonomia elettrica. Può anche essere utile scambiare la batteria con quella di una e-bike dello stesso modello. Anche un cuscinetto usurato del motore dell'e-bike, può essere la causa di un'autonomia elettrica ridotta.

Consigli

  • L'autonomia ridotta può essere dovuta a una cattiva manutenzione della meccanica della bicicletta.
 
 
Batteria della bici elettrica
 
 
 

Sostituire, ricostruire o riparare la batteria dell'e-bike?

Se la batteria dell'e-bike è troppo debole e non è più sufficiente per le proprie esigenze, il ciclista deve decidere il da farsi. Può scegliere tra l'acquisto di una batteria di ricambio originale, di una replica o chiedere ad un garage di ripararela sostituendo le celle.

Per iniziare, non si possono dare raccomandazioni generali per quanto riguarda le riparazioni e le repliche. Anche se è più costosa, la prima scelta dovrebbe essere quella di una batteria di ricambio originale del produttore. Solo il produttore della batteria ha la possibilità di adattare il BMS in modo pulito alle celle della batteria utilizzata. Per il consumatore, l'insufficiente disponibilità di pezzi di ricambio può diventare un problema dopo alcuni anni. Alla domanda, Bosch spiega di puntare a una fornitura di pezzi di ricambio fino a sei anni, Brose mantiene i pezzi di ricambio disponibili per uno o due anni dopo una procedura di interruzione ufficiale, mentre Paul-Lange & Co. non fornisce una risposta univoca in merito, ma sottolinea che i prodotti successivi sono spesso compatibili con le unità più vecchie.

In questo caso, il consiglio di ricorrere alle batterie di ricambio originali non è di grande aiuto per l'interessato. È proprio in questo scenario che le batterie di ricambio o le riparazioni delle batterie possono diventare interessanti, perché altrimenti l'e-bike non è più utilizzabile. Buone repliche e riparazioni eseguite con perizia possono essere assolutamente funzionali. Purtroppo, però, è impossibile per il profano capire se si tratta di prodotti ben fatti e sicuri. Nel peggiore dei casi, le batterie che non sono state riparate correttamente possono causare incendi.

Consigli

  • Le batterie di ricambio del produttore originale garantiscono una maggiore sicurezza
  • Difficoltà di valutare e riconosce quali repliche sono buone
  • Le riparazioni delle batterie dell'e-bike non sono consigliate se non sono offerte dal produttore.

Come si misura la capacità residua?

Le possibilità possono essere suddivise grossolanamente in tre gruppi. Il primo è la lettura del valore SOH tramite uno speciale dispositivo diagnostico (Bosch, Shimano e Brose) presso il rivenditore o, secondo Brose, in futuro anche tramite un'applicazione per smartphone collegata alla bicicletta. La seconda opzione consiste nel visualizzare la capacità direttamente sulla batteria. Questa opzione è offerta soprattutto dai vecchi modelli giapponesi, come quelli di Panasonic o Yamaha. In questo caso, premendo più a lungo il "pulsante di accensione" sulla batteria, è possibile ottenere informazioni sulla capacità residua calcolata dal BMS. Un valore percentuale può essere rivonosciuto grazie al numero di LED accesi. La variante più complessa, ma anche più informativa, è di scaricare la batteria tramite un dispositivo di misurazione esterno per determinare direttamente l'energia elettrica disponibile. Tuttavia, questo metodo consuma un ciclo di carica, che riduce leggermente la durata della batteria.

Consigli

  • La misurazione della capacità residua permette di avere più certezze sullo stato della batteria 
 
 

La batteria dell'e-bike Bosch ha perso autonomia?

Con i sistemi e-bike Bosch, il rivenditore può verificare questo aspetto utilizzando un sistema appositamente adattato alle batterie Bosch. Bosch chiama il dispositivo di misura - composto da software per PC "Capacity Tester". Oltre all'effettiva capacità residua, è possibile leggere e stampare in un protocollo anche altre anomalie e informazioni sulla batteria della e-bike.

 
 

Protezione con tutti i veicoli. Anche con le e-bike.

Quale garanzia offre il produttore: batterie per e-bike di Bosch, Brose e Paul-Lange

Come per altri prodotti, la garanzia legale si applica anche alle batterie per e-bike. Alla domanda, Bosch ha risposto che fornisce anche una garanzia sulle batterie di ricambio. Bosch garantisce che la batteria conserva almeno il 60% del contenuto energetico originale per le batterie da 400-Wh, 500-Wh e 625-Wh e il 70% del contenuto energetico originale per le batterie da 300-Wh entro il periodo di garanzia. Il periodo di garanzia termina 24 mesi dopo l'acquisto da parte del cliente finale o 48 mesi dopo la data di produzione della batteria o dopo 500 cicli di carica completi, a seconda di quale dei due eventi si verifica per primo.

Brose e Paul-Lange & Co.
non offrono garanzie aggiuntive. In generale, la garanzia aggiuntiva di un prodotto è molto vantaggiosa per il cliente, tuttavia, in determinate circostanze, la garanzia legale offre maggiori diritti al consumatore in caso di danni. Questo aspetto deve essere esaminato in ogni singolo caso.

 
 

Stoccaggio della batteria dell'e-bike: i consigli più importanti

La maggior parte dei produttori indica la scarica completa come  causa principale dei guasti alle batterie delle e-bike, questa si verifica dopo un lungo periodo senza essere ricaricata. I vari produttori forniscono informazioni molto diverse sullo stato di carica delle batterie, che devono essere rispettate in fase di preparazione allo stoccaggio. In molti casi si consiglia di caricare la batteria al 100%. Altri produttori, come Bosch, spiegano, su richiesta, che se la batteria non viene utilizzata per un periodo di tempo più lungo (più di 3 mesi) è opportuno portarla in una condizione di stoccaggio ottimale. Alcuni produttori, come Yamaha, raccomandano di caricare solo leggermente la batteria e di controllare regolarmente il livello di carica.

La maggior parte dei produttori consiglia una "ricarica" regolare di circa 1 ora per la batteria inutilizzata.
I criteri che indicano la necessità di tale ricarica variano e talvolta non sono molto specifici. Secondo i produttori, le singole batterie possono essere messe in una cosiddetta "modalità sleep" per un periodo di tempo più lungo. Questo dovrebbe consentire di conservare la batteria fino a sei mesi senza ulteriori interventi. Questa modalità di sospensione può essere impostata o viene raggiunta automaticamente se la batteria non viene utilizzata o caricata per un periodo di tempo prolungato. Non sempre viene detto che la batteria non deve rimanere permanentemente collegata al caricabatterie. In linea di principio, non è consigliabile farlo.

Le condizioni di conservazione prescritte dai produttori sono molto simili. Le temperature devono essere comprese tra i 5 e i 20°C. Il luogo di conservazione deve essere asciutto. Le batterie ricaricabili di alcuni produttori che devono essere ricaricate completamente per la prima volta dopo un lungo periodo di stoccaggio senza ricarica mostrano un comportamento diverso durante la prima ricarica rispetto alle ricariche regolari nell'uso normale. Le batterie che sono state messe in "modalità sleep" per essere conservate devono prima essere "risvegliate". È essenziale seguire le istruzioni del produttore. Alcuni produttori stabiliscono ancora che le batterie non devono essere caricate incustodite, il che potrebbe non essere sempre facile da attuare nella pratica.


Consigli

  • Seguendo le istruzioni del produttore per la cura e la conservazione delle batterie, si prolunga la loro durata e si risparmiano spese inutili.
Newsletter
Reti sociali
FacebookInstagramTwitterLinkedInYouTube
Rivista Touring
Rivista Touring
Apps
Nuovi prodotti & giubilei
50 anni Protezione giuridica
60 anni Libretto ETI
Societariato famiglia
© 2022 Touring Club Svizzero Condizioni d'uso – Informazioni giuridiche Protezione e sicurezza dei dati
V3.2.1 / Production publish 1
 
La preghiamo di pazientare un momento.
Il Suo ordine è in fase di elaborazione.