Dipendenza da cellulare

Il cellulare risponde a molte esigenze contemporanee, quando il suo utilizzo diventa invece problematico?


Dr. med. Thierry de Meuron, primario dei servizi ambulanti della clinica Privatklinik Wyss AG sulla dipendenza da cellulare.

Dottor de Meuron, il telefono mobile riveste ormai un ruolo di grande importanza nella nostra società. Perché?
Da quando il telefono è diventato mobile, c’è stata una vera rivoluzione nell’ambito della comunicazione. All'inizio era visto perlopiù come status symbol, ponendo l'accento su chi lo possedeva, e diventando pertanto una caratteristica distintiva tra le persone. Il cellulare copre, da un lato, molte esigenze e, dall'altro, permette agli utenti di accedere a gruppi a cui, diversamente, non apparterebbero (ad esempio tramite Facebook, Instagram o Linkedin).

Quando l’utilizzo del cellulare si trasforma in dipendenza?
Attualmente non c’è una definizione precisa che indichi quando ha inizio la dipendenza da cellulare e quando termina. Non esiste, infatti, un fattore scatenante comune che innesca risposte organiche negli esseri umani. Le possibilità di utilizzo offerte dal cellulare sono molteplici, e pertanto è necessario distinguere da quale di queste si è dipendenti. Inoltre, occorre tener conto delle singole conseguenze derivanti dall’utilizzo. Per diagnosticare la dipendenza dai telefoni cellulari, ci si basa sui concetti di dipendenza da sostanze, come l'alcool o la dipendenza da droghe illegali. In questo ambito ci si può avvalere di definizioni chiare: quando qualcuno perde il controllo e si manifestano conseguenze psicologiche o fisiche, ci si trova nell’area della dipendenza.

Quali sono i sintomi tipici di una dipendenza incipiente?
I sintomi tipici che possono dare un indizio di dipendenza sono il forte desiderio di utilizzo, la difficoltà nel controllare l'uso e l'insorgenza di nervosismo o irritabilità quando il telefonino non può essere utilizzato. Inoltre, le persone affette da dipendenza da telefono cellulare tendono a relazionarsi sempre meno con gli altri e a utilizzarlo per lunghi periodi di tempo. Si verifica anche un cambiamento di interessi e l’insorgenza di conseguenze psicologiche e fisiche viene ignorata.

Chi appartiene al gruppo di rischio?
In linea di principio, non è possibile definire alcun gruppo di rischio, in quanto l'uso è diffuso in tutte le fasce d'età e di sesso. Tuttavia, è stato osservato che le persone con malattie mentali come depressione o ansia, attacchi di panico e disturbi di personalità utilizzano sempre più spesso il telefonino come «ancora di stabilizzazione», ad esempio come sostituto di relazioni vere, e scivolano così nella dipendenza.

Nel caso di sospetto di dipendenza da cellulare, i familiari che atteggiamento devono assumere nei confronti dei soggetti colpiti?
Nella maggior parte dei casi, la dipendenza è un tentativo di compensare problemi più profondi. Se ci si avvicina a queste persone, è importante mantenere il necessario rispetto, ossia adottando un atteggiamento comprensivo e una comunicazione chiara e rispettosa. Un'altra possibilità è quella di farsi spiegare dal soggetto colpito, soprattutto in caso di giovani, l’uso del cellulare. In questo modo gli si comunica il proprio interesse nei suoi confronti, facilitando così l’approccio al problema e acquisendo una comprensione più profonda del comportamento da dipendenza. Alla persona interessata dovrebbe essere espressa la propria preoccupazione, facendole anche capire quanto sia importante per noi.

Quali conseguenze può avere l’utilizzo eccessivo sulle persone colpite?
Le conseguenze differiscono a seconda del fattore che ha scatenato la dipendenza da telefonino:

  • Utilizzo di pornografia: le persone affette da dipendenza hanno una visione distorta della realtà a causa di quello che vedono con il cellulare. Percepiscono quello che vedono come reale e credono quindi che le cose debbano essere così nella vita vera. Questo utilizzo è particolarmente problematico nello sviluppo della personalità dei più giovani.
  • Reti sociali: noi tutti siamo a conoscenza dei pericoli principali che derivano dal contatto con persone attraverso i social. Spesso la persona contattata attraverso questi canali è una perfetta sconosciuta o si può trattare di un profilo fake. Inoltre, frequentando la rete si evita di dovere affrontare divergenze e si può sfuggire dalla realtà. Ciò può causare una minore capacità di risoluzione dei problemi.
  • Utilizzo eccessivo: un utilizzo eccessivo del telefonino va a scapito del proprio corpo che viene solitamente trascurato. Conseguenze tipiche sono una curvatura della colonna, vari altri problemi posturali dovuti alla mancanza di attività fisica e problemi agli occhi, come una regolazione limitata da vicino e lontano dell'acuità visiva con possibile miopia.
  • Demenza digitale: un uso superiore a 27 minuti al giorno ha come conseguenza la perdita comprovata delle funzioni cerebrali. La concentrazione, l'attenzione, la velocità di pensiero, la comprensione e il riconoscimento delle immagini sono disturbati. Con questo si intende l'azione della radiazione elettromagnetica del telefono cellulare. A questo si aggiunge l'effetto causato dalle interruzioni: gli esseri umani, se interrotti durante un’attività di estrema concentrazione, abbiamo bisogno di circa 23 minuti per recuperare lo stesso livello prima dell’interruzione per potere continuare a lavorare.
Come si può trattare la dipendenza?
In caso di terapia, la prima cosa necessaria è una comprensione comune del problema. Se il problema è riconosciuto solo dal terapeuta e non dalla persona interessata, non si troverà nessun percorso verso la guarigione. Il metodo terapeutico è multimodale, ossia sono adottati approcci diversi. Importante: ogni terapia deve essere personalizzata sul paziente. Nel caso della dipendenza da alcool, si può procedere secondo il concetto di astinenza comprovata. Il problema della dipendenza da telefonino è che si tratta di un oggetto quotidiano così importante che l'astinenza totale può comportare conseguenze sociali. Per questo si adottano altre strategie di cura.

Il telefono cellulare è diventato anche un importante compagno per bambini e giovani. Che consigli dà ai genitori per proteggere i propri figli dalla dipendenza?
Ogni famiglia deve decidere individualmente che cosa concedere o limitare. È necessaria cautela, poiché l'uso eccessivo e prematuro dei cellulari ha un impatto sullo sviluppo e sull'intelligenza dei bambini. I contenuti accattivanti esercitano un grande fascino sui giovani, e diventano un richiamo irresistibile che non li annoia mai. Ma le persone hanno bisogno della noia per essere creative.

A che età i genitori dovrebbero comprare un cellulare ai figli?
L'uso del telefonino è legato all'ambiente sociale. Ci sono scuole, ad esempio, che ne regolano l'uso e lo consentono solo da una certa classe in poi. Mi sembra importante che i genitori mantengano scambi vivaci con i propri figli e che si informino su come il mondo social si sviluppa, ragiona e si regola.

Non utilizzate queste informazioni come base assoluta per le decisioni sulla salute. In caso di problemi alla salute consultate il vostro medico o farmacista. Navigare su internet non sostituisce la consultazione medica.

Per considerazioni e input, potete contattarci per Email: mdtcsch

Condividere
durckenE-MailFacebookTwitter

Potrebbe interessarvi anche

Offerte del TCS

Newsletter
Reti sociali
Rivista Touring
Nuovi prodotti & giubilei
 
Si prega di pazientare un attimo
Stiamo ottimizzando il nostro sito, ciò che può comportare tempi di caricamento più lunghi.