Tessera di socio
TCS Mastercard
Fattura


Le vacanze in campeggio sono conciliabili con la sostenibilità?

Per chi ha a cuore la tutela del clima, il camping è un buon compromesso. Più vicina è la meta, meglio è.

I tre fattori che hanno il maggior impatto negativo sul cambiamento climatico sono: mobilità, consumi domestici e alimentazione. Come viaggio? Come mi comporto a casa? Cosa compro e cosa mangio? Per contribuire alla tutela ambientale anche in vacanza, è necessario tenere conto dei tre aspetti seguenti e considerarli anche nella programmazione delle ferie: viaggio, vitto e alloggio.

Le vacanze in campeggio sono ecologiche?

Secondo uno studio (in tedesco) dell’Istituto di ricerca energetica e ambientale (ifeu) di Heidelberg, il campeggio nel proprio Paese, dunque senza spostamenti troppo lunghi, è una delle tipologie di vacanza più ecologiche. Nella valutazione si è tenuto conto sia delle emissioni prodotte dal viaggio che quelle dei pernottamenti.
I glamper, che arrivano in campeggio con la propria auto (il più possibile ecologica) o con il treno e prendono in affitto un alloggio in loco, si contraddistinguono tra i vari tipi di campeggiatori per il miglior bilancio ambientale. Anche in questo caso vale la regola: più vicina è la meta, meglio è.
Fra tutti i veicoli per il tempo libero (van, camper o roulotte), quello più ecocompatibile è il van, soprattutto se associato al pernottamento in campeggio o – meglio ancora – in un’area di sosta per camper. In termini di sostenibilità, la formula di viaggio con il minor impatto resta naturalmente il tour in bici o e-bike con carrello tenda.

Viaggiare rispettando l’ambiente: come posso contribuire campeggiando?

Le vacanze sostenibili iniziano già dalla programmazione del viaggio e dalla preparazione delle valigie. Bisogna ricordarsi ad esempio di scegliere il mezzo di trasporto in maniera intelligente, optare per una meta possibilmente vicina e ridurre plastica e rifiuti al minimo, anche in viaggio.
Villaggio di tende nella foresta - TCS Camping Gordevio
 

Consigli per campeggiare e viaggiare in modo sostenibile e responsabile

1. Scegliere attentamente la destinazione

  • Il più delle volte il viaggio di andata e ritorno rappresenta la maggiore fonte di emissioni di CO2. Bisognerebbe pertanto preferire una meta vicina.
  • Sul sito myclimate.org potete calcolare in modo molto semplice le emissioni di CO2 del viaggio programmato e, se volete, anche compensarle direttamente.

2. Ripensare l’attrezzatura da campeggio

  • Già al momento di preparare i bagagli pensate a un’alternativa ai prodotti in plastica. Ad esempio: vasetti in vetro anziché vaschette di plastica, sapone anziché docciaschiuma e shampoo, carta cerata anziché cellophane, spazzolino da denti in legno o bambù, dentifricio in polvere, ecc. E, una cosa che si dimentica spesso: non usare il sacchetto di plastica nel cestino della spazzatura. Basta infatti svuotarlo più spesso o, in alternativa, utilizzare un sacchetto compostabile.
  • Mettete in valigia una borsa per la spesa in tessuto.
  • Per le vostre pause caffè in viaggio portatevi un bicchiere riutilizzabile e/o un thermos.
  • Le bottiglie di plastica contribuiscono all’inquinamento in maniera preponderante. Potrebbe quindi essere utile installare un sistema di filtraggio o di acqua potabile nel van/camper.

3. Viaggiare all’insegna della sostenibilità

  • Prima della partenza, controllate la pressione degli pneumatici del veicolo da campeggio. Una pressione ottimale comporta una maggiore efficienza del carburante e quindi emissioni ridotte di CO2.
  • Quando siete fermi in coda o al semaforo, spegnete sempre il motore.
  • Riducete la velocità di marcia e mantenete il più possibile i giri bassi.

4. Adeguare il comportamento in loco

  • Una volta a destinazione, parcheggiate il vostro veicolo e utilizzate il più possibile i mezzi pubblici. Molti campeggi offrono una carta ospiti per l’utilizzo gratuito dei mezzi pubblici locali oppure noleggiano anche biciclette.
  • Anche in campeggio fate la raccolta differenziata dei rifiuti. La maggior parte delle strutture è dotata di appositi punti di raccolta di vetro, cartone, carta, PET, ecc.
  • Riducete anche in campeggio il consumo idrico, ad esempio quando fate la doccia o lavate i piatti.
  • Fate la spesa il più possibile in mercati locali ed evitate i prodotti con imballaggi eccessivi.
  • Non disperdete mai nell’ambiente mai l’acqua di scarico, di cottura o l’acqua della risciacquatura dei piatti, bensì raccoglietela in un contenitore e smaltitela successivamente in un luogo idoneo.
  • Non lasciate tracce e rifiuti nell’ambiente. Smaltite sempre correttamente i rifiuti e non bruciate mai nulla.

5. Ripensare le proprie abitudini

Non è necessario fare vacanze lontano tre volte all’anno. Divertimento, riposo e relax si possono trovare anche vicino. La Svizzera, in particolare, offre un’incredibile varietà di attrazioni e paesaggi mozzafiato. Il Grand Tour of Switzerland di TCS Camping vi consente di conoscere la Svizzera sotto il suo profilo più bello.

6. In sintesi

Chi impara ad apprezzare la semplicità, a viverla con consapevolezza e a ripensare e modificare un po’ le proprie abitudini di viaggio e consumo contribuisce automaticamente alla salvaguardia dell’ambiente.

Questo articolo è stato utile?
No
89%
degli utenti ha trovato questo articolo utile
44 valutazioni
 
Condividere
durckenE-MailFacebookTwitter

Saperne di più

Newsletter
Reti sociali
FacebookInstagramTwitterLinkedInYouTube
Rivista Touring
Rivista Touring
Apps
Nuovi prodotti & giubilei
50 anni Protezione giuridica
60 anni Libretto ETI
Societariato famiglia
© 2022 Touring Club Svizzero Condizioni d'uso – Informazioni giuridiche Protezione e sicurezza dei dati
v3.1.1 / Production publish 1
 
La preghiamo di pazientare un momento.
Il Suo ordine è in fase di elaborazione.