Audi A3 Sportback g-tron (2019)



Viaggiare quotidianamente con un’auto alimentata a gas naturale presenta pochi inconvenienti, a condizione di abitare nei pressi di una delle 150 stazioni che vendono questo carburante addizionato di circa il 25% di biogas prodotto da scarti organici.

Compatta... a tutto gas

Nessun timore neppure sul piano estetico: la nostra Audi A3 Sportback non si distingue che per la scritta cromata «g tron» che orna la carrozzeria. Questo modello 2016 sottoposto ad un test di lunga durata per oltre 60'000 km è in piena forma. La sua particolarità è di viaggiare altrettanto bene sia a gas sia a benzina. L’A3 g-tron ospita un serbatoio standard per la benzina e due serbatoi contenenti gas naturale compresso. Unico vero dispiacere, la loro istallazione sotto il fondo del bagagliaio ne riduce la capacità a 280 l.

Resoconto dettagliato

Dati del veicolo

Carrozzeria, interni & Confort

Prezzo/prestazioni

Caratteristiche veicolo & Sicurezza

Motore & Consumo

Leggere l'intero articolo!

Scaricare il PDF
(5471 KB)

Panoramica dei risultati

"Le automobili a gas naturale compresso (CNG) non hanno il vento in poppa. Esse rappresentano tuttavia un rimedio certo contro il CO₂, come dimostra un’Audi A3 g-tron nel test di lunga durata del TCS."

Opinione di chi ha testato

Punti forti

  • Inquinanti e emissioni di CO₂ ridotti in modalità gas naturale
  • Autonomia globale (circa 1'000 km)
  • Telaio finemente regolato
  • Armonia motore/cambio
  • Grande piacere di marcia
  • Rifiniture e materiali di prim’ordine

Punti deboli

  • Volume del bagagliaio ridotto dai serbatoi per il gas naturale
  • Nessuna possibilità di scegliere tra le modalità a gas e benzina
  • Intervalli manutenzione (15'000 km)
  • Prezzo di base e politica optional
  • Saltuari strattoni nella guida stop/go
Condividere
durckenE-MailFacebookGoogle +Twitter

Potrebbe interessarvi anche

Offerte del TCS

Newsletter
Reti sociali
Rivista Touring
Nuovi prodotti & giubilei
 
Si prega di pazientare un attimo
Stiamo ottimizzando il nostro sito, ciò che può comportare tempi di caricamento più lunghi.