La corsa alle colonne di ricarica elettrica

Se è facile ricaricare l’auto elettrica a domicilio oppure al lavoro, le cose diventano più complicate quando ci si trova in viaggio.


A parte le Tesla, la gran parte dei modelli elettrici attuali non superano infatti un’autonomia di 200 km. Senza contare che essa fonde come neve al sole a velocità autostradale. Gli automobilisti che desiderano intraprendere un viaggio del tipo Berna–Zurigo, o peggio ancora, Berna–Ginevra (160 km) hanno perciò interesse a ben pianificare la propria trasferta.

Ampia copertura

In questo contesto, la ricarica sulle aree autostradali non pone alcun problema. Gli impianti sono generalmente ben ripartiti. L'applicazione TCS eCharge permette di localizzarle e di verificarne la potenza e il tipo di presa. E informano anche sulla loro accessibilità. Di preferenza si sceglieranno le ricariche rapide, dove una batteria può ricostituire l’80% della sua capacità in circa 40 minuti. 

Tariffa di parcheggio

Le condizioni cambiano quando occorre procedere alla ricarica in ambito urbano. Nella maggior parte dei casi, gli impianti sono situati nei posteggi pubblici. Questo aggiunge ai costi per l’elettricità anche i costi di parcheggio. Quindi non esattamente a buon mercato se pensiamo soprattutto ai prezzi praticati nelle grandi città. Quantomeno si ha pressoché la certezza di trovare una colonnina libera e la maggior parte dei tipi di presa esistenti. Non è necessariamente il caso nelle città di dimensioni minori. Una ricerca mirata preventiva è quindi consigliata e può talvolta riservare piacevoli sorprese, come ad esempio le colonnine di ricarica gratuita messe a disposizioni da alcuni grandi distributori quali Aldi e Lidl.

Comportamento corretto

  • Non utilizzare i punti di ricarica come stalli di parcheggio. 
  • Dopo la ricarica, riporre il cavo sull’apposito supporto. 
  • Se non si deve forzatamente ricaricare, lasciare la precedenza ai conducenti di automobili in transito.
  • Scegliere le stazioni di ricarica previste per la potenza di ricarica della propria auto.
Condividere
durckenE-MailFacebookTwitter

Potrebbe interessarvi anche

Offerte del TCS

Newsletter
Reti sociali
Rivista Touring
Nuovi prodotti & giubilei
 
Si prega di pazientare un attimo
Stiamo ottimizzando il nostro sito, ciò che può comportare tempi di caricamento più lunghi.