Nel traffico aereo europeo, soppressioni e ritardi di voli a causa degli scioperi. Cosa fare?

Berna, 9 marzo 2017. Molti passeggeri svizzeri che intendono volare nei prossimi giorni andranno verosimilmente incontro a disagi e disguidi. Infatti, gli scioperi programmati a partire da domani mattina dei controllori del traffico aereo in Francia e del personale di terra degli aeroporti di Berlino di Tegel e Schoenefeld provocheranno cancellazioni e ritardi nel traffico aereo europeo. Centinaia di cittadini svizzeri che si trovano a Berlino per la fiera mondiale del turismo ITB e, che desiderano rientrare venerdì o sabato, potranno andare incontro ad alcuni problemi. Ma cosa fare quando il volo viene stato annullato? Quali obblighi hanno le compagnie aeree? E quali diritti hanno i passeggeri? I suggerimenti del TCS.

09 marzo 2017

Consigli importanti

  • Il giorno precedente il volo, è consigliabile informarsi sui siti web delle corrispondenti compagnie aeree, così pure tramite i mezzi di comunicazione, per conoscere le conseguenze dirette causate dallo sciopero sui collegamenti e sui voli. Molte compagnie, in caso di sciopero, informano direttamente i passeggeri per e-mail o SMS. Le informazioni sulle cancellazioni dei voli o sui ritardi sono pubblicate anche sui siti degli aeroporti interessati.
  • In caso di cancellazione del volo, contattare la compagnia (tramite il numero verde, e-mail o telefono), per ottenere tutte le informazioni sull'evoluzione della situazione.
  • Non prenotate un volo sostitutivo di propria iniziativa. I costi supplementari tra il biglietto originale e il nuovo biglietto devono essere presi a carico dalla compagnia aerea.

Obblighi della compagnia, i diritti dei passeggeri

  • Le compagnie aeree sono obbligate a portare i loro clienti a destinazione. In caso di soppressione del volo per sciopero, la compagnia aerea interessata deve proporre delle soluzioni alternative o, se non possibili, il rimborso del prezzo del biglietto.
  • Per i voli internazionali, le compagnie hanno la possibilità di indirizzare i clienti su altri aeroporti e accompagnarli in autobus o in treno.
  • Se i viaggiatori sono costretti a trascorrere una o più notti sul posto a causa della cancellazione del volo, la compagnia aerea deve assumersi le spese d’albergo e le spese di trasferta.
  • Se la compagnia non è in grado di organizzare un mezzo di trasporto alternativo, il cliente è autorizzato a chiedere il rimborso del biglietto. Ciò è possibile anche in caso di ritardo superiore a 5 ore. La richiesta di rimborso deve essere fatta, in ogni caso, per iscritto.
  • Il cliente non può rivendicare diritti d’indennizzo o di rimborso per mancati incontri d’affari.
  • Se il volo viene annullato, il cliente ha diritto di rivendicare un indennizzo variabile: CHF 250 per voli fino a 1.500 km.; CHF 400 per i voli tra 1500 e 3500 km.; CHF 600 per i voli per più di 3000 km.
 
Condividere
Reti sociali
Newsletter
Apps
Rivista Touring