Salvare vite premendo un tasto

Con un defibrillatore, premendo un tasto e in combinazione con misure salva-vita immediate si può rianimare chi ha un arresto cardiocircolatorio efficacemente.


Procedura da seguire in caso di persona priva di vita utilizzando un defibrillatore esterno automatico (DAE)

  • Apporre gli elettrodi sulla pelle asciutta e pulita. Mentre lo si fa, se possibile, continuare con il massaggio cardiaco per compressione.
  • Chiamare il pronto soccorso 144
  • Seguire il massaggio cardiaco per compressione e non fermarsi finché arriva il servizio di soccorso.
  • Farsi portare un defibrillatore da un’altra persona.
  • Accendere l’apparecchio e seguire le indicazioni, continuando a eseguire il massaggio cardiaco per compressione.
  • Posizionare un elettrodo direttamente sotto la clavicola, a destra.
  • Posizionare l’altro elettrodo di fianco, sulla cassa toracica, a sinistra.
  • Prima di inviare una scarica elettrica, avvisare le persone circostanti dicendo: «Allontanatevi! Non toccate il paziente! Attenzione, invio una scarica elettrica!»

Un arresto cardiocircolatorio è quasi sempre anticipato da un infarto cardiaco e da un’anomalia del ritmo cardiaco. In caso di arresto cardiocircolatorio, alla vittima va immediatamente prestato aiuto. Se non si procede alle misure di rianimazione entro 3-5 minuti, gli organi vitali ricevono troppo poco ossigeno e le chance di sopravvivenza diminuiscono rapidamente. 

Pure quando si chiama il servizio di soccorso attraverso il numero d’emergenza 144 ci vogliono un paio di minuti finché arriva il servizio di soccorso. Per questo motivo, per la persona colpita è vitale iniziare immediatamente con il massaggio cardiaco per compressione e impiegare, se possibile, un defibrillatore esterno automatico (DAE).

Utilizzo di un defibrillatore esterno automatico (DAE)

Un DAE riporta ordine nel ritmo cardiaco (p.es. in caso di fibrillazione ventricolare) per mezzo di una scarica elettrica (defibrillazione) mirata. Prima si procede a defibrillare un cuore in fibrillazione, più elevate sono le probabilità di successo. 

Se si applicano gli elettrodi nel modo giusto, l’apparecchio effettua automaticamente un’analisi del ritmo cardiaco. Se viene consigliato di eseguire una scarica elettrica, la persona che lo fa deve prestare attenzione che durante la scarica elettrica nessuno entri in contatto con il paziente. Attenzione a eseguire defibrillazioni quando ci si trova nelle vicinanze di acqua, superfici che conducono l’elettricità, sostanze infiammabili o esplosive. È sempre importante proteggere innanzitutto sé stessi. 

Non è vero che si può salvare la vita di qualcuno che ha un arresto cardiocircolatorio utilizzando solamente un DAE. 

Il defibrillatore aiuta a salvare la vita della persona solamente se si procede immediatamente al massaggio cardiaco per compressione e se esso viene eseguito senza cessare fino a quando sono stati applicati gli elettrodi e il defibrillatore indica che si può mandare la scarica elettrica e che non si può più toccare il paziente. Se dopo una scarica elettrica il paziente non comincia a respirare, va eseguito di nuovo il massaggio cardiaco per compressione, fino al segnale acustico del defibrillatore per la prossima scarica elettrica. Le misure salva-vita vengono continuate finché arriva il servizio di soccorso o finché la persona riesce di nuovo a respirare normalmente.

Facili da maneggiare

Esistono diversi tipi di DAE, che si assomigliano tra di loro nel loro funzionamento. Questi apparecchi analizzano automaticamente se il ritmo cardiaco si può influenzare con una scarica elettrica (se è defibrillabile) oppure no. Nei defibrillatori semiautomatici, il rilascio della scarica deve essere azionato. 

Negli ultimi anni questi apparecchi sono stati ulteriormente sviluppati e oggi dispongono nella maggior parte dei casi di diverse lingue, di pittogrammi universali e pure di istruzioni video. All’acquisto di un defibrillatore si consiglia di seguire una formazione per l’utilizzo. 

Le sezioni dei samaritani offrono appositi corsi per la rianimazione. La Federazione svizzera dei samaritani offre diversi modelli DAE.  

Chi desidera acquisire o rinfrescare conoscenze relative all’utilizzo di un defibrillatore trova una vasta scelta di corsi presso la Federazione svizzera dei samaritani.


Non utilizzate queste informazioni come base assoluta per le decisioni sulla salute. In caso di problemi alla salute consultate il vostro medico o farmacista. Navigare su internet non sostituisce la consultazione medica.

Per considerazioni e input, potete contattarci per Email: mdtcsch

Potrebbe interessarvi anche

Offerte del TCS

Newsletter
Reti sociali
Rivista Touring
Nuovi prodotti & giubilei
 
Si prega di pazientare un attimo
Stiamo ottimizzando il nostro sito, ciò che può comportare tempi di caricamento più lunghi.