Emorragia nasale: niente panico!

Quali misure di primo soccorso esistono e quando è meglio recarsi dal medico o al pronto soccorso?


Il Prof. Dr. med. Aristomenis Exadaktylos, primario e direttore dell’Universitäres Notfallzentrum (Inselspital di Berna), riguardo il tema delle emorragie nasali.

Signor Exadaktylos, chi ha un’emorragia nasale pensa subito di avere una brutta malattia.
Sia a bambini che ad adulti può capitare spesso di avere un’emorragia nasale, soprattutto quando si ha un raffreddore o quando avvengono piccoli incidenti che colpiscono la parte anteriore del naso. Non è necessario preoccuparsi, il sanguinamento smette in fretta. 

Quando è il caso di recarsi dal medico?
In caso di forte emorragia nasale che continua per diversi minuti o che addirittura peggiora, bisognerebbe assolutamente andare dal medico. Chi assume farmaci anticoagulanti, chi ha la pressione alta o le persone che sono già state in trattamento in seguito a una forte emorragia nasale sono particolarmente a rischio di una perdita di sangue che indebolisce la circolazione. Il mio consiglio: se si ha la sensazione che il sangue non fuoriesca solo dalla parte anteriore del naso, ma che attraversi pure la gola e se si deve continuamente deglutire sangue, è assolutamente opportuno consultare un medico. Infatti, le fuoriuscite di sangue della parte posteriore del naso sono difficili da tenere sotto controllo da soli.

E in un caso grave, quali conseguenze può scatenare un’emorragia nasale?
Si può perdere talmente tanto sangue da avere un collasso circolatorio, con tutte le sue conseguenze. Il sangue deglutito può pure provocare conati di vomito, il quale aumenta la pressione nei vasi sanguigni, il che a sua volta peggiora l’emorragia nasale. 

Quali sono le misure da adottare appena si ha un’emorragia nasale?
Quelle classiche: inclinare la testa in avanti, comprimere le ali del naso, mettere ghiaccio sul naso e sulla nuca e sputare il sangue. Ed evitare assolutamente di starnutire.

Non sarebbe opportuno cercare di tamponare il naso con ovatta o con fazzoletti di carta?
No, ciò va anzi evitato, infatti, il sangue si appiccica alla cellulosa, e quando si vuole togliere il tampone dal naso l’emorragia può cominciare da capo. 

È vero che le persone anziane sono colpite più spesso da emorragie nasali?
Sì, infatti, i vasi sanguigni sono più fragili, le mucose più secche, la pressione sanguigna solitamente è più elevata, e spesso le persone anziane assumono farmaci anticoagulanti.


Non utilizzate queste informazioni come base assoluta per le decisioni sulla salute. In caso di problemi alla salute consultate il vostro medico o farmacista. Navigare su internet non sostituisce la consultazione medica.

Per considerazioni e input, potete contattarci per Email: mdtcsch

Inselspital

Questo articolo è stato realizzato con la collaborazione del Prof. Dr. med. Aristomenis Exadaktylos, primario e direttore dell’Universitäres Notfallzentrum Inselspital (Universitätsspital di Berna).

www.insel.ch

Condividere
durckenE-MailFacebookGoogle +Twitter

Potrebbe interessarvi anche

Offerte del TCS

Newsletter
Reti sociali
Rivista Touring
Nuovi prodotti & giubilei
 
Si prega di pazientare un attimo
Stiamo ottimizzando il nostro sito, ciò che può comportare tempi di caricamento più lunghi.