Test 2017 del TCS sui pneumatici invernali: quasi tutti convincono

Il TCS ha esaminato nel test 2017, 32 pneumatici invernali delle dimensioni 195/65 R15 91T e 215/65 R16 98/102H. I punti forti e deboli di questi prodotti sono definiti sulla base di 18 criteri di prova simili alla pratica. Risultato: 30 gomme hanno ottenuto una valutazione “raccomandato“ o migliore.

26 settembre 2017

Il comportamento di ogni pneumatico è stato analizzato su vari percorsi di prova con fondo stradale asciutto, bagnato, innevato e ghiacciato. I criteri d’esame includevano anche la rumorosità, il consumo di carburante e l’usura. Nel meticoloso e esigente test, 30 dei 32 pneumatici hanno ottenuto una valutazione “raccomandato” o migliore.

pneumatici invernali

Nelle dimensioni 195/65 R15 91T, il TCS ha testato 16 pneumatici. Tre gomme hanno convinto e sono state giudicate “molto raccomandate” e dodici valutate “raccomandate“ per lacune di poca entità. Un pneumatico è stato definito “raccomandato con riserva” per prestazioni poco convincenti su fondo stradale asciutto e sull’usura.

Nelle dimensioni 215/65 R16 98/102H sono stati esaminati 16 pneumatici: uno ha ottenuto la nota “molto raccomandato”, altri 14 sono “raccomandati” e i restanti giudicati “non raccomandati” per le prestazioni poco convincenti su fondo stradale bagnato e innevato.  

Infoguida del TCS per le gomme invernali

I risultati dettagliati e la valutazione completa di tutti i pneumatici esaminati si trovano in Internet all’indirizzo www.pneumatici.tcs.ch. Nell’infoguida del TCS “Pneumatici invernali 2017“, disponibile da fine settembre nella versione stampata, sono pubblicati gli ultimi test e altre utili informazioni.  

Aprire gli occhi al momento dell‘acquisto

  • Chi s'interessa ai test sulle gomme o chiede un'offerta d’acquisto deve conoscere la dimensione esatta del pneumatico desiderato (per es. 195/65 R 15 91 V).
  • Chi sceglie pneumatici testati dal TCS «molto raccomandato» o «raccomandato» è sicuro d’acquistare un prodotto di qualità. Si consiglia di chiedere sempre due o tre offerte a diversi venditori, comprendenti anche i costi accessori (montaggio, bilanciamento, smaltimento) e l'IVA. 
  • È importante controllare la data di fabbricazione della gomma che si trova nel numero DOT impresso sul fianco del pneumatico. Si tratta di un numero a 4 cifre. Per esempio, il numero 3716 significa che la gomma è stata fabbricata la 37esima settimana del 2016. La data di fabbricazione è importante perché la produzione di pneumatici è adattata costantemente alle nuove conoscenze tecniche in materia.
  • Di regola, ordinare solo gomme nuove (fino a tre anni); pneumatici più vecchi non andrebbero accettati.
  • Pneumatici vecchi di otto anni non dovrebbero più essere montati per la riduzione delle prestazioni, anche se il loro profilo è ancora sufficiente. 
  • L'acquisto su Internet è di moda, ma il TCS ha osservato sul web forti oscillazioni di prezzo delle gomme e consiglia di paragonare sempre l'offerta complessiva: costo delle gomme e montaggio. Meglio rivolgersi per l'acquisto e il montaggio a un unico fornitore. Il TCS invita alla prudenza di fronte a pneumatici particolarmente a buon mercato, disponibili soltanto via Internet.

Etichetta pneumatici

L’Unione europea ha riconosciuto l’importanza dei pneumatici per i veicoli. Dal novembre 2012, prescrive un’informazione per i consumatori. Così l'acquirente ha la possibilità di informarsi sulla sicurezza in caso di frenata su fondo bagnato, sulla resistenza al rotolamento e sulla rumorosità del pneumatico. Secondo il TCS, questi tre criteri sono un buon punto di partenza per una scelta avveduta. Per poter ottenere una valutazione completa, è tuttavia indispensabile che un pneumatico sia esaminato in tutte le sue caratteristiche. 

Video

Panoramica dei risultati 

195zoom
 
215zoom
 
Renato Gazzola
Renato Gazzola
Telefono +41 79 686 08 80
Condividere
Reti sociali
Newsletter
Apps
Rivista Touring