Farmaci

L'assunzione di farmaci può sensibilmente alterare la capacità di guidare. Inoltre l’interazione con sostanze come l'alcol può rivelarsi molto pericolosa al volante.


Che sia per combattere la febbre, un raffreddore, un mal di testa, un’allergia o altro, la maggior parte di noi ha già fatto ricorso a dei farmaci una volta o l’altra nella vita. Bisogna sapere tuttavia che i medicamenti non sono innocui: spesso s’ignorano gli effetti e gli effetti collaterali che provocano, inclusi quelli sulla guida.

Assunzione di farmaci e guida di un veicolo: azioni incompatibili?

Assumere dei farmaci prima di mettersi al volante può essere pericoloso, sebbene per alcuni possa produrre degli effetti positivi. Certe persone, infatti, sono in grado di mettersi alla guida solo grazie ad un trattamento medico specifico. Parliamo ad esempio di chi è affetto da diabete o soffre di ipertensione.

Ma il consumo di farmaci può alterare in modo considerevole la capacità di guida. Alcuni medicamenti influiscono sul sistema centrale dell’individuo, diminuendone i riflessi. Le facoltà fisiche e psichiche risultano compromesse, ciò che può avere gravi ripercussioni nel traffico stradale.

Come faccio a sapere se possono mettermi al volante?

Farmaci venduti con e senza ricetta medica: quando si assumono dei farmaci è buona regola dar prova di prudenza, in particolare per quelli venduti senza ricetta medica.

  • Chiedete informazioni al vostro medico o farmacista sugli effetti che il farmaco può provocare sulla guida.
  • Seguite attentamente le istruzioni (posologia).
  • Leggete il foglietto illustrativo (bugiardino) e in particolare le controindicazioni in caso di guida.
  • Non mettetevi al volante subito dopo aver assunto per la prima volta un nuovo farmaco. Prima osservate in che modo il vostro organismo reagisce al medicamento.
  • In caso di malessere al volante fermatevi il più rapidamente possibile.

Gleichzeitige Einnahme von mehreren Medikamenten

  • Chiedete al vostro medico o farmacista quali interazioni fra farmaci possono verificarsi e quale può essere l’impatto eventuale sulla guida.
  • Siate particolarmente prudenti in caso di assunzione di analgesici, calmanti o stimolanti che possono pure pregiudicare la capacità di guida.

Farmaci «consigliati» da terzi

  • Nehmen Sie nie ein Medikament lediglich aufgrund der «Empfehlung» einer Drittperson.
  • Jede Person reagiert unterschiedlich: Was für den einen gut ist, kann beim anderen negative Auswirkungen haben.
  • Auch wenn Sie ähnliche Symptome haben wie die Person, die Ihnen das Medikament empfohlen hat, leiden Sie vielleicht an einer anderen Krankheit.

Quali sono i farmaci più «pericolosi» per la guida?

I neurolettici (antipsicotici), gli ansiolitici (tranquillanti), gli ipnotici (sonniferi), gli antidepressivi, gli antiepilettici, gli antiparkinsoniani, gli anestetici, gli antiemicranici, gli antalgici, gli antiallergici, i farmaci contro il raffreddore e la tosse e quelli contro la nausea e il vomito sono fra i gruppi principali di farmaci che possono influire notevolmente sulla capacità di guida.

Farmaci, alcool, droghe : attenzione!

I farmaci e l’alcool non sono compatibili. Con il consumo di alcool, gli effetti negativi prodotti dai medicamenti sulla capacità di guida risultano decuplicati. Dunque, non mettevi al volante per nessuna ragione se vi trovate in una simile situazione. Lo stesso discorso vale ancora di più per le droghe: mai guidare un veicolo dopo aver consumato degli stupefacenti o dopo il consumo di stupefacenti associato a quello di medicamenti.

Cosa dice la legge?

La legge sulla circolazione stradale (LCStr) è chiara: i conducenti devono avere le attitudini fisiche e psichiche necessarie per guidare un veicolo. In caso di dubbio, anche minimo, astenersi dalla guida.

TCS Sicurezza stradale
Telefono +41 58 827 23 90
Fax +41 58 827 51 24
Condividere

Potrebbe interessarvi anche

Offerte del TCS

Newsletter
Reti sociali
Rivista Touring
Nuovi prodotti & giubilei
 
Si prega di pazientare un attimo
Stiamo ottimizzando il nostro sito, ciò che può comportare tempi di caricamento più lunghi.