Test comparativo dei fari

Fari alogeni, allo xeno, LED oppure laser? Una nostra panoramica su vantaggi e svantaggi dei vari sistemi.


Al momento di acquistare un’automobile nuova, la scelta del tipo di fanali merita di essere dovutamente valutata. Anche perché non è per nulla semplice giudicare le varie tecnologie, dato che ciascuna presenta punti forti e punti deboli. Un confronto diretto dimostra che i fari allo xeno forniscono la migliore qualità luminosa. Con i fari alogeni, l’automobilista ha l’impressione che il potenziale di luce sia limitato in termini di colore, di chiarezza e di portata.

Al contrario, i fari LED sembrano nettamente più potenti. Non sorprende quindi il fatto che i fari allo xeno siano così apprezzati. Nell’alta gamma, la tendenza va verso il full LED oppure ai sistemi laser combinati con i LED.

Test comparativo dispositivi di illuminazione

Tecnologia alogeni Xeno LED/Matrice Laser
Vantaggi

Buon rapporto prezzo-prestazioni

Nell’equipaggiamento di base

Sostituzione rapida e a buon prezzo

Diverse qualità di lampade alogene

Luce bianca-giallastra gradevole

Fascio chiaro quasi simile alla luce diurna

Design

Portata accresciuta dei proiettori

Illuminazione ottimale della carreggiata, anche in curva e svoltando

Design/linea visiva

Quasi simile alla luce diurna

Longevità

Fascio complesso e orientabile con precisione fin nei minimi angoli

Illuminazione ottimale che non acceca il traffico che arriva in senso inverso

Luce molto chiara di portata estremamente lunga

Svantaggi

Portata e chiarezza minori se paragonate ai fari xeno

Longevità inferiore ai fari LED e xeno

Prezzo più elevato/sovente fatturato in opzione

Costi di riparazione

Fascio maggiormente distribuito se il faro è sporco

Forte uso del liquido lava-vetri del faro se utilizzo frequente

Obbligatorio un sistema automatico anti accecamento

Prezzo più elevato/sovente fatturato in opzione

In caso di difetto, sostituzione di quasi tutto il modulo

Obbligatorio un sistema automatico di regolazione della portata

Tecnologia cara, sovente unicamente per le vetture di lusso

Fari alogeni

Gli alogeni sono i classici fari che troviamo sulle versioni tradizionali di base delle autovetture. Una lampada alogena è comparabile ad una lampadina ad incandescenza. All’interno troviamo un filamento di wolframio che diventa incandescente quando la corrente viene inserita. La potenza luminosa e la longevità risultano accresciute dalla presenza di un gas alogeno, ad esempio bromo oppure iodio. Nel caso di lampade alogene H4, le funzioni anabbaglianti e abbaglianti sono assicurate da un filamento doppio. I fari alogeni sono ancora molto apprezzati per il buon rapporto prezzo-prestazioni.

Di notte, il colore bianco giallastro è gradevole per l’occhio. Sebbene ritenuti meno potenti rispetti ai fari allo xeno, possono avvicinarvisi se si scelgono lampadine di marca. Con una regolazione ottimale, i fari alogeni forniscono un’intensità luminosa elevata sia al crepuscolo sia di notte e soddisferanno pienamente la maggioranza degli automobilisti. Le lampadine che equipaggiano le auto di categoria inferiore sono spesso di qualità mediocre. È tuttavia possibile cambiarle ad un costo contenuto. Attenzione tuttavia al fatto che su taluni modelli l’operazione di smontaggio e montaggio è complicata, quindi costosa.

Fari allo xeno

Questa tecnologia offre maggiore luminosità, ma non è proposta di serie, se non su alcune varianti di equipaggiamento superiori. Bisogna prevedere tra i 1000 e i 1500 euro per acquistarla. I fari allo xeno diffondono una luce bianca simile a quella naturale e assicurano una portata più lunga e una migliore illuminazione laterale. Grazie alla regolazione automatica, anche la comodità d’uso è migliore. Inoltre, la tecnologia bi-xeno ha permesso la commutazione automatica tra anabbaglianti e abbaglianti.

Per quanto concerne gli svantaggi, annotiamo i costi ma anche le possibili avarie alle lampadine e al sistema di regolazione. Gli automobilisti che viaggiano in senso contrario inoltre si lamentano spesso di essere abbagliati. Questo problema può essere dovuto ai proiettori sporchi. Per questa ragione, essi sono obbligatoriamente dotati di un dispositivo di pulizia, ciò che porta ad un maggior consumo di liquido lava-vetri.

Fari LED

L’illuminazione a diodi elettroluminescenti ha conquistato l’alta gamma e anche alcuni modelli compatti. Composto da diodi, il corpo illuminante è molto flessibile e necessita meno spazio rispetto a quelli tradizionali. Una manna per i designer. La tecnologia LED è gestita esclusivamente dall’elettronica e, in ragione della sua temperatura di colore elevata, diffonde una luce ancora più simile a quella del giorno rispetto ai fari allo xeno. I fanali a LED si distinguono inoltre per il basso consumo di energia. Inconveniente noto: quando un singolo LED è difettoso, tanto vale cambiare l’intero modulo o addirittura il proiettore.

L’arrivo dei LED con tecnologia a matrice permette di modulare automaticamente lunghezza e ripartizione del fascio luminoso. Una telecamera riconosce i veicoli che precedono o incrociano l’autovettura. La disattivazione mirata di alcuni moduli LED evita a quel punto di abbagliare gli altri utenti, continuando tuttavia ad illuminare al meglio il resto del campo stradale.

Fari laser

Questa tecnologia è destinata agli automobilisti che desiderano fari di lunga gittata. Possono essere combinati con gruppi ottici LED oppure LED a matrice. Costosi, i fari laser sono appannaggio dell’alta gamma.

Alla fine dei conti, la scelta di un dispositivo d’illuminazione è questione di prezzo. Sia quel che sia, le varie tecnologie presentano tutte qualità e difetti. Senza dimenticare che tutte sono oggetto di continui progressi tecnici.

Consigli

  • Prima dell’acquisto della vettura, stabilire il tipo di corpo illuminante desiderato. Si può prendere come criterio di scelta il tempo di lavoro necessario per cambiare una lampada guasta.
  • Assicurarsi che i proiettori siano puliti, in particolare nella brutta stagione.
  • Fari con sistema di pulizia: portare con sé del liquido lava-vetri di riserva.
  • Fari alogeni: tenere lampade di ricambio a portata di mano.
  • Attenzione ai fanali non autorizzati. Lampade di ricambio, spesso prive della menzione ECE, allo xeno o a LED per attacco H4 o H7 in genere non sono ammesse.
  • Fari a portata regolabile manualmente: definire la portata in funzione del carico seguendo le istruzioni d’uso.

Potrebbe interessarvi anche

Offerte del TCS

Newsletter
Reti sociali
Rivista Touring
Nuovi prodotti & giubilei
 
Si prega di pazientare un attimo
Stiamo ottimizzando il nostro sito, ciò che può comportare tempi di caricamento più lunghi.