Tessera di socio
TCS Mastercard
Fattura

Ora vi trovate in questo campo:
Scegliere la sezione
Argovia
Appenzello AR
Basilea
Berna
Bienne-Seeland
Friborgo
Ginevra
Giura - Giura bernese
Giura neocastellano
Glarona
Grigioni
Neuchâtel
San Gallo - AI
Sciaffusa
Soletta
Svitto
Ticino
Turgovia
Uri
Vallese
Vaud
Waldstätte
Zugo
Zurigo
 

Presidenza Sezione TI: iniziata l’era Stampanoni

09 luglio 2020
8 meraviglie in Ticino

Prima di questa carica ha maturato una cospicua esperienza all’interno della realtà del Club, iniziata nel 2004 in veste di delegato cantonale. Da lì in poi, le nomine nel 2012 quale membro di Comitato nel Gruppo del Luganese e vicepresidente, le nomine nel 2017 a presidente di Gruppo e a membro nel Comitato Sezionale e, per finire, lo scorso maggio ha preso in mano le redini strategiche della Sezione Ticino ed entrerà nel Consiglio d’amministrazione della Sede centrale del TCS.


Intervista al presidente della Sezione Ticino del TCS Fabio Stampanoni


È da poco alla guida della Sezione Ticino del TCS, questo la porterà anche in Consiglio d’amministrazione nazionale, come si sente in queste nuove funzioni e quali sono le sue aspettative?

Chi mi ha preceduto alla Presidenza della Sezione Ticino del TCS, l’Avv. Carlo Vitalini, ha fatto un lavoro eccezionale, lasciando una situazione finanziaria rosea ed un Centro Tecnico a Rivera perfettamente funzionante ed organizzato al meglio. L’attività futura sarà volta, da un lato, a consolidare quanto fatto in passato e, dall’altro, ad ulteriormente rafforzare le nostre attenzioni a favore dei nostri soci, che sono il punto focale della nostra attività.
L’entrata nel Consiglio d’amministrazione nazionale la leggo come una molteplicità di opportunità. E’ infatti quella la sede dove vengono decise le strategie future del TCS ed è quindi importante esserci, per portare la voce della nostra Sezione con le proprie peculiarità territoriali e culturali. Sarà in altri termini l’occasione per dare un concreto contributo della nostra Sezione alla costruzione di un TCS moderno, che rispecchi le esigenze di tutti i soci e che consideri quindi le specificità di tutto il territorio svizzero.

Il Comitato sezionale, che sarà al suo fianco per la pianificazione strategica della Sezione, ha vissuto un importante rinnovo. Non la intimorisce questo cambiamento?

Quella di un Comitato rinnovato in gran parte è un’esperienza che ho già avuto modo di vivere quando ho assunto la Presidenza del Gruppo del Luganese e debbo dire che in quell’occasione il cambiamento fu foriero di spirito di iniziativa, di voglia di concretizzare nuovi progetti e di grande entusiasmo. La nostra società si evolve a grande velocità, i cambiamenti sono numerosi e rapidissimi. Il nuovo Comitato sezionale, è vero, ha subito importanti modifiche nella recente Assemblea, ma grazie anche al lavoro dei Presidenti dei Gruppi (che ringrazio), sono state trovate delle candidature valide, con profili che certo sapranno dare un contributo concreto e valido allo sviluppo del TCS. In questo senso quindi il cambiamento non mi intimorisce; sarà al contrario una componente fondamentale per un lavoro coeso nel corso dei prossimi anni.

Che cosa l’ha portata nel corso degli anni a voler intraprendere, in parallelo alla sua prima professione di avvocato e fiduciario, una carriera nel TCS?

La mia attività nel TCS è iniziata nel 2004, quando sono stato nominato delegato del Gruppo del Luganese. Da allora ho avuto modo di conoscere questa grande famiglia, con i propri valori ed i propri principi. Con gli anni è cresciuta la consapevolezza di fare parte di un Club che, certo, difende i principi dei propri soci, ma che lo fa sempre in maniera rispettosa e corretta. L’attività di tutto il Club, che mira, a tutti i livelli ed in ogni momento, a trovare nuovi spunti e nuove proposte nell’interesse dei propri soci, è rapidamente diventata un punto di riferimento imprescindibile che si segue con entusiasmo e in amicizia, soprattutto con i colleghi di Comitato. Credo che la vera forza del TCS consista proprio nella capacità di affiancare i propri soci nella loro quotidianità: dall’uso sicuro e sereno dei propri mezzi di trasporto, alle competenti coperture assicurative, dalle vacanze, alla difesa degli interessi di categoria. Una visione ampia, oserei direi a 360 gradi, che, con piacere, ho deciso di abbracciare, dando il mio piccolo contributo per poterla fare crescere.

Negli ultimi anni la Sezione Ticino ha vissuto un’importante evoluzione sia nelle nuove prestazioni offerte che nella sua filosofia orientata ora non più solo all’automobile ma alla mobilità nel suo insieme. Come vede il futuro?

Bella domanda, forse… la più bella! Il mondo si evolve a grande velocità, i cambiamenti che un tempo richiedevano un lungo periodo di incubazione, oggi conoscono dei ritmi impressionanti. È così nella scuola, è così nel mondo professionale. E il TCS non fa eccezione. Nella Sua domanda, ricorda giustamente che la Sezione Ticino ha vissuto un’importante evoluzione: ma il futuro non sarà tanto diverso. Anzi! Per stare al passo coi tempi saremo obbligati a cogliere le occasioni, a leggere correttamente le sfumature che l’evoluzione del mondo e della società porteranno. Solo la capacità di adeguamento rapido, contemporaneo, quasi istantaneo, permetterà alla nostra Sezione di continuare a prosperare nell’interesse dei propri soci. Quest’ultimo aspetto, fra l’altro, è uno dei compiti che la Sede centrale ha deciso di affidare alle Sezioni: dovremo continuare a dare particolare attenzione ai nostri soci perché, come detto precedentemente, sono loro la linfa del nostro Club. Il team che gestisce quotidianamente la Sezione è eccezionale: sotto la conduzione dell’Ing. Roberto Morandi abbiamo una squadra entusiasta, capace, competente e sempre pronta a dare il massimo per soddisfare i nostri soci. Con il nuovo Comitato mi aspetto di poter ulteriormente sviluppare i servizi che già oggi vengono offerti e proporne di nuovi, così da poter rendere ancor più attrattivo il nostro Club. A Rivera, un centro tecnico sempre più efficiente e a Scruengo il nostro magnifico villaggio TCS che permette di ospitare in particolare gruppi impegnati in corsi di guida: sono due riferimenti per il Ticino e non solo. Puntiamo ad un ulteriore rafforzamento di queste due strutture perché, sempre più, possano essere di valido ausilio all’espletamento degli obiettivi che ci siamo dati. Tutto ciò, inutile dirlo, senza naturalmente dimenticare l’importanza che cresce esponenzialmente dei nuovi sistemi di comunicazione, dove internet ed i social la fanno da padrone: anche in questo ambito sarà importante essere presenti, ma non a tutti i costi – lo faremo nello stile e nei modi che da sempre caratterizzano il TCS.






Punto di contatto Rivera
TCS Sezione Ticino
Via alla Chiesa 10
6802 Rivera
Telefono +41 91 935 91 35
Fax +41 91 935 91 20
Condividere
durckenE-MailFacebookTwitter
Newsletter
Reti sociali
Rivista Touring
Apps
Nuovi prodotti & giubilei
 
La preghiamo di pazientare un momento.
Il Suo ordine è in fase di elaborazione.