Tessera di socio
TCS Mastercard
Fattura

Ora vi trovate in questo campo:
Scegliere la sezione
Argovia
Appenzello AR
Basilea
Berna
Bienne-Seeland
Friborgo
Ginevra
Giura - Giura bernese
Glarona
Grigioni
Neuchâtel
San Gallo - AI
Sciaffusa
Soletta
Svitto
Ticino
Turgovia
Uri
Vallese
Vaud
Waldstätte
Zugo
Zurigo
 

È l’era del monopattino da corsa

Sono ecologici, maneggevoli, consentono di risparmiare tempo ed è possibile caricarli facilmente anche da casa. Stiamo parlando dei monopattini elettrici, mezzi di trasporto a zero emissioni, sempre più visibili e utilizzati nei centri urbani di tutto il mondo. Come avvenuto nel settore automobilistico e motociclistico, rispettivamente con i campionati FormulaE e MotoE, anche i monopattini elettrici avranno, a partire dal 2022, il loro campionato di riferimento: l’eSkootr Championship. Grazie ai prototipi da competizione sviluppati appositamente per questo campionato, eSC intende non solo portare una ventata di novità nel mondo del motorsport, ma innovare l’intero settore della micromobilità.

20 gennaio 2022
eskootr
Una simulazione di gara in pista del 2021

La micromobilità con Khalil Beschir, intervista al CEO di eSC

Khalil Beschir, CEO di eSC
Khalil Beschir, CEO di eSC

Come e quando è nata l’idea di realizzare il progetto dell’eSkootr Championship?
Il progetto è nato nel 2018, quando gli scooter elettrici hanno iniziato ad apparire in gran numero nelle città di tutto il mondo. Io e i miei co-fondatori eravamo tutti a Monaco in quel periodo. Siamo tutti corridori e imprenditori, interessati alle nuove tendenze della mobilità, alla tecnologia e a come queste spesso vengono accelerate attraverso l’innovazione nel motorsport. Abbiamo avuto l’audace e ambiziosa idea di creare un nuovo sport per riflettere questo nuovo movimento nella mobilità. Crediamo che sviluppando una serie di corse accessibili ed eccitanti con elevati standard di sicurezza e sostenibilità, aiuteremo a sviluppare l’intero settore della micromobilità, trasferendo le intuizioni di ricerca e sviluppo dalla pista alle strade della città.

 Qual è la vostra mission?
Abbiamo sviluppato eSkootr Championship per essere la prima serie di corse per tutti, ispirando una nuova generazione di potenziali concorrenti e fan del motorsport. Il campionato sta reimmaginando ciò che è il motorsport, abbattendo le barriere di costo e rendendolo accessibile e neutrale dal punto di vista del genere fin dall’inizio. eSC riguarda l’emozione sportiva e la competizione, ma il nostro obiettivo non è solo quello di creare una nuova serie. Vogliamo stabilire una categoria completamente nuova di sport accessibile e i nostri piani includono un nuovo ecosistema, iniziando dalla base e sviluppandosi a livello di campionato mondiale.

Qual è l’obiettivo che vorreste raggiungere attraverso questo campionato improntato sulla micromobilità?
Desideriamo produrre un formato di gara che sia divertente, emozionante e coinvolgente. Vogliamo che le nostre corse siano presentate in un modo nuovo e nativo digitale, portando gli spettatori più vicini all’azione come mai prima d’ora, con nuove angolazioni della telecamera, nuovi dati in gara e la tecnologia del secondo schermo, così come il coinvolgimento interattivo dei fan. Creando un prodotto che la gente vuole guardare, abbiamo la piattaforma perfetta per raggiungere e costruire la consapevolezza dei vantaggi unici della micromobilità per un viaggio urbano più equo e città più intelligenti e vivibili.

Quali saranno i mezzi utilizzati per partecipare all’eSkootr Championship, e quali prestazioni avranno?
Useremo l’S1-X eSkootr. Lo scooter elettrico è stato progettato appositamente per la nostra serie dall’azienda italiana di tecnologia avanzata YCOM. Lo scooter è fatto con fibre naturali sviluppate da Bcomp, che sono leggere con alta resistenza e possono ridurre l’impatto di CO2 fino all’85% rispetto alla fibra di carbonio. Le batterie sono state prodotte da Williams Advanced Engineering e pesano meno di 10 kg con una potenza di 1,33 kWh e un’autonomia di 20 minuti. Le batterie utilizzate saranno riciclate da Umicore che ha sviluppato una strategia di design circolare mentre gli pneumatici speciali sono stati sviluppati da PMT Tyres. Ogni squadra sceglierà le sue mescole di pneumatici all’inizio del fine settimana di gara e userà le stesse per tutto il tempo. Tutti gli pneumatici PMT utilizzati dall’eSC durante le gare saranno riciclati a livello centrale e utilizzati per progetti di seconda vita. Con la PMT siamo riusciti a sviluppare una speciale mescola di pneumatici da utilizzare in condizioni di bagnato e asciutto con molta aderenza. La S1-X eSkootr raggiungerà velocità superiori a 100km/h e avrà un angolo di inclinazione di 55°.

Come sarà strutturato il campionato 2022 e in quali Paesi si gareggerà?
La serie viaggerà in tutto il mondo, annunceremo il programma delle gare all’inizio del nuovo anno. Il formato di gara consisterà in manche multiple che porteranno ai quarti di finale, alle semifinali e alla finale. Ci saranno 10 squadre da tre corridori ciascuna, per un totale di 30 corridori senza differenza di genere, uomini e donne. Ci sarà un campionato individuale e un campionato a squadre.

Da quali discipline sportive provengono gli atleti che saranno impegnati in questo campionato?
Vorremmo rendere il campionato aperto a chiunque, con campionati locali, regionali e accademie in tutto il mondo dove le persone potranno provare questo sport. Questo fa parte del nostro futuro modello di base.Essendo una nuova forma di corsa, siamo molto selettivi per la nostra stagione di apertura. Abbiamo trascorso gli ultimi dodici mesi a testare atleti professionisti con un bagaglio sportivo d’élite. Abbiamo un’attinenza a trecentosessanta gradi con altri sport ad alte prestazioni: MotoGP, Motocross, BMX, surf, snowboard, scooter freestyle al pattinaggio su ghiaccio e altre categorie di sport estremi. Annunceremo il nostro rider draft all’inizio del prossimo anno, dove le nostre squadre saranno in grado di scegliere i loro tre piloti dal nostro pool di talenti. Abbiamo già scoperto alcuni atleti incredibili e non vediamo l’ora di condividere con tutti voi maggiori informazioni sul loro conto.

Per chi volesse seguire le gare, dove potrà farlo?
Le gare si terranno nei centri delle città, quindi facilmente accessibili per i fan e le famiglie che vorranno venire a vederle dal vivo. Il campionato sarà anche trasmesso in tutto il mondo con nuove angolazioni della telecamera e una migliore esperienza visiva ricca di dati per dare ai nostri fan più coinvolgimento di quanto non abbiano mai avuto prima.

Il parere dell'esperto 

eSC: intervista a Claudio Corti, ex-pilota MotoGP e Superbike

Bradley Smith e Claudio Corti, piloti e soci sul lavoro (foto via Facebook)
Bradley Smith e Claudio Corti, piloti e soci sul lavoro (foto via Facebook)

L’annuncio di un campionato di monopattini elettrici ha da subito suscitato l’interesse e la partecipazione di atleti inter-nazionali provenienti da varie discipline sportive. Tra di essi, Claudio Corti, ex-pilota MotoGP e Superbike, che durante il 2021 ha avuto modo di testare in anteprima il Carbon-fibre S1-X, il monopattino ad alte prestazioni. Abbiamo colto l’occasione per fargli qualche domanda su questa esperienza, per capire le sue sensazioni di guida e come vede il futuro di questi nuovi mezzi da competizione.

Nell’arco della tua carriera hai gareggiato – con risultati di rilievo – nei più importanti campionati di motociclismo. Cos’hai pensato quando hai sentito parlare per la prima volta di questo nuovo sport, che per alcuni aspetti ricorda quello del motociclismo?
 
Guidando moto da corsa da una vita, potete immaginare quale sia stata la mia prima reazione. Premetto che amo la competizione a prescindere dal mezzo utilizzato, farei una sfida tra amici anche se avessimo a disposizione solo dei carrelli della spesa. Bradley Smith, ex-pilota MotoGP e mio socio, mi ha coinvolto in questo progetto di micromobilità e ho quindi accettato di buon grado di provare. Devo ammettere che la mia opinione è cambiata molto in fretta, ancor prima di salire sul monopattino. Non appena ho messo piede nel paddock (area adiacente alla pista) del circuito, ho visto subito dei gommisti come anche alcuni ingegneri che lavoravano alla telemetria - organizzazione che si vede solitamente in campionati di auto e moto di alto livello – e questo è stato il primo indicatore di un progetto importante.

Quali sono state le tue prime impressioni di guida?

Mi hanno da subito colpito il rapporto peso-potenza e l’agilità del monopattino. L’aspetto che però mi ha stupito maggiormente è quanto sia divertente guidare. È completamente diverso da qualsiasi sport a motore termico o elettrico, la guida assomiglia molto a quella del jet-ski, le moto d’acqua da competizione: bisogna sempre cambiare la posizione del piede, abbassare il busto e le gambe durante le curve e fare leva sulle braccia. Condurre questi mezzi è fisicamente molto impegnativo, la ragione è che vengono sollecitate aree del corpo differenti rispetto a quelle che si possono allenare in palestra, in moto o altrove. Ammetto di essere uscito sfinito dalle giornate di test. Pensate che durante le sessioni in pista abbiamo anche indossato il cardiofrequenzimetro, i miei battiti al minuto sono arrivati addirittura oltre le 170 pulsazioni. Incredibile vero?

In rete è presente un video dove si vedono alcuni spezzoni di una simulazione di gara. Com’è andata?
 Abbiamo effettuato 3 giorni di test in Francia, sul circuito del Paul Ricard, provando anche diverse modalità di gara. È stato entusiasmante perché, a questa prova, hanno partecipato anche sportivi che nulla avevano a che fare con il motociclismo: skater, «snowboarder», freestyler, due modelle e qualche meccanico. La micromobilità non conosce limiti perché la viviamo ogni giorno, senza distinzioni perché è piuttosto accessibile. Rispondendo più specificatamente alla vostra domanda, sono riuscito a vincere qualche manche, è stato molto divertente sfilare tra le curve a 120 km/h spalla a spalla con gli altri «tester-avversari». Per vincere è necessario avere molta inventiva, dato che i monopattini sono tutti uguali a livello prestazionale.

L’abbigliamento tecnico è identico a quello utilizzato dai piloti di moto, prova che anche questo può essere classificato come «sport estremo». C’è stato qualcuno che è andato oltre il limite? 
Sì, in effetti può rientrare in questa categoria, anche se le velocità sono inferiori e i rischi più contenuti rispetto a una moto. Qualche caduta c’è stata, com’è normale che sia, ma nessuno si è fatto niente. D’altronde lo scopo dei test è proprio quello di provare il materiale, cercando di dare consigli agli ingegneri e ai tecnici per arrivare nel migliore dei modi al campionato vero e proprio nel 2022. Durante le prove sono infatti state fatte alcune modifiche ai monopattini, per renderli ancora più sicuri e performanti. Sono felice di aver contribuito attivamente a questo progetto che in futuro sono sicuro avrà molto seguito.

Nel 2022 ti vedremo tra gli ospiti illustri del eSkootr Championship? 
Compatibilmente agli impegni mi piacerebbe esserci, è un progetto che sto seguendo con molto interesse. Con Bradley Smith abbiamo di recente dato vita al «Progetto 109», un team motociclistico aperto a giovani talenti che ci terrà molto impegnati durante la stagione di corse del 2022, così come l’officina e gli impegni di Bradley nel Campionato MotoE.

Cosa ne pensi invece delle moto elettriche e, più nello specifico, della MotoE? 
Nel 2020 ho seguito Bradley Smith in MotoGP in qualità di suo coach-assistente in Aprilia, e ho avuto modo di osservare da vicino il campionato MotoE. Le gare erano carine ma la parte tecnica non mi ha mai convinto. Per il 2022 però, Ducati è entrata come fornitore unico del Campionato MotoE, presentando alcuni giorni fa la sua moto al pubblico. Devo ammettere che dalle prime immagini in pista, quelle di Michele Pirro, sono rimasto colpito positivamente, la moto ora sembra una vera moto da corsa.

Claudio Corti guida il gruppo durante una simulazione di gara.
Claudio Corti guida il gruppo durante una simulazione di gara.
Punto di contatto Rivera
TCS Sezione Ticino
Via alla Chiesa 10
6802 Rivera
Telefono +41 91 935 91 35
Condividere
durckenE-MailFacebookTwitter
Newsletter
Reti sociali
FacebookInstagramTwitterLinkedInYouTube
Rivista Touring
Rivista Touring
Apps
Nuovi prodotti & giubilei
50 Jahre Rechtsshutz
60 Jahre ETI Schutzbrief
Mitgliedschaft Familien
© 2022 Touring Club Svizzero Condizioni d'uso – Informazioni giuridiche Protezione e sicurezza dei dati
v2.28.0 / Production publish 2
 
La preghiamo di pazientare un momento.
Il Suo ordine è in fase di elaborazione.