Attenti alle truffe in Internet

Grazie al TCS Libretto Protezione Internet, ora il nostro club si impegna anche per la sicurezza dei soci che navigano online.


Al fine di difenderli anche contro i pericoli in agguato nei loro movimenti in rete, il TCS ha aderito alla SISA Swiss Internet Security Alliance.

Truffe in Internet

Per truffe in Internet s’intendono le frodi commesse online. Rientrano nella fattispecie della cibercriminalità o reati digitali. Il malintenzionato tenta di procurarsi un vantaggio illecito con l’inganno o di arricchirsi mettendo mano sul denaro o sui dati altrui.

Metodi utilizzati

  • Strategia tipica dei truffatori: tentano di disorientare e/o incitano alla fretta le loro vittime così da spingerli ad agire senza riflettere.
  • Caratteristiche tipiche delle vittime: I malviventi sfruttano sistematicamente debolezze o inclinazioni umane quali il desiderio di apprezzamento, curiosità o ingenuità.
  • Situazioni tipiche: chi stia vivendo una crisi personale, forte stress o grande bisogno di amore e attenzione fa bene ad esaminare criticamente le proposte molto allettanti.

Forme di truffe in Internet

  • Falsi shop online: siti fasulli che offrono merce inesistente o che non ha il valore dichiarato.
  • Estorsione di anticipi (inserzioni immobiliari truccate): comprende tutti i casi in cui si richiede il pagamento di un acconto per la successiva riscossione di una determinata somma o fornitura di un prodotto o servizio.
  • False richieste di aiuto finanziario (e-mail d‘emergenza): i malintenzionati provano ad accedere ai conti e-mail di terzi per poter inviare a nome del mittente hackerato delle richieste di sostegno finanziario a tutti i contatti memorizzati nella rubrica.

Esempio: negozi online fraudolenti

Oggi è possibile ordinare praticamente di tutto in Internet, dalle scarpe da ginnastica provenienti dall’America alla spesa settimanale da farsi consegnare a casa. Non solo è diventato più facile acquistare con pochi clic ma anche aprire un sito e-commerce e distribuire la propria merce nel mondo intero.

I presunti venditori offrono prodotti inesistenti o che non hanno il valore indicato tramite Internet. Questi falsi shop usano nomi e grafica dall’apparenza professionale e reclamizzano delle offerte speciali. Il cliente che ordina un prodotto e lo paga in anticipo probabilmente non lo riceverà e non potrà recuperare il prezzo versato. È possibile che il prodotto gli venga spedito ma risulti di qualità inferiore o difettato. In questo modo i truffatori rubano del denaro, s’appropriano di informazioni personali o di dati relativi a carte di credito.

Come riconoscere un falso shop online?

  • L’ortografia è un primo indizio per stabilire la serietà del sito.
  • Fidatevi di marchi di qualità, quali ad esempio quello dell’Associazione svizzera di vendita per corrispondenza o Trusted Shops.
  • Esaminate molto attentamente le „offerte da cogliere al volo“. Informatevi sul fornitore e sugli eventuali costi aggiuntivi quali spese di sdoganamento o IVA. Nel caso di „affaroni“ promessi, si tratta davvero di prodotti di marca originali oppure contraffatti?
  • Fate attenzione se commercianti a voi sconosciuti insistono sul prepagamento o pagamento anticipato. In tal caso pagherete prima di ricevere la merce. I commercianti seri accettano sempre diverse modalità di pagamento, ad esempio invio dietro fattura, pagamento alla consegna, con carta di credito o PayPal.
  • Sul sito è menzionato un indirizzo di contatto? In Svizzera, conformemente all’art. 3 cpv. 1 lett. s LCSI, nel commercio elettronico i fornitori sono tenuti ad indicare in modo chiaro e completo la loro identità e un indirizzo di contatto.

Come evitare di rimanere vittima di truffa online?

  • Informatevi circa attuali tentativi di truffa e sulle nuove forme di criminalità presso la Prevenzione Svizzera della Criminalità oppure rivolgetevi alla polizia.
  • Recatevi alla polizia e fatevi consigliare qualora sospettaste di aver a che fare con persone truffaldine.

E se siete caduti nella trappola tesa in rete?

Qualora diventaste vittima di frode non solo dovete sporgere denuncia alla polizia. Piuttosto raccontate la vostra esperienza alle persone a voi vicine. Mettendo in guardia familiari, amici e conoscenti evitate che anche loro vengano truffati.

Come interviene la polizia?

Purtroppo difficilmente si riesce a risalire ai cyber criminali. Truffatori e truffatrici sfruttano l’anonimato della rete per nascondere la loro identità. Ciononostante occorre segnalare ed informare la polizia del delitto, anche tentato, affinché si possano avviare le indagini opportune. All’atto della denuncia possono essere molto utili i verbali delle chat, scambio di e-mails o «screenshot» per provare l’accaduto. Queste informazioni consentono di rilevare i trucchi usati per raggirare le persone, e grazie ad esse i corpi di polizia possono svolgere un’azione mirata di prevenzione e sensibilizzazione nei confronti della popolazione.

Maggiori dettagli e consigli sul sito della Prevenzione Svizzera della Criminalità e sui siti della polizia.

Offerte del TCS

Reti sociali
Newsletter
Apps
Rivista Touring