Quanto costa un incidente alla comunità? Dimostrazione reale a Losanna il 25 marzo 2015.

Losanna, 25 marzo 2015. Per la prima volta in Svizzera si è svolto un crash-test, in condizioni reali. Obiettivo: dimostrare i costi effettivi di un incidente. Nell’ambito della campagna ”Guidare correttamente”, il TCS e i diversi operatori nella sicurezza stradale del Canton Vaud hanno voluto sensibilizzare gli utenti della strada sui costi di un incidente, che ricadono poi sulla collettività. La simulazione si è svolta a Mont-sur-Lausanne, il 25 marzo 2015, e ha permesso di seguire in diretta la dinamica di un incidente, le varie fasi di soccorsi alle vittime e i costi causati dallo scontro. Se le vittime delle strade non hanno prezzo, gli incidenti della circolazione costano ogni anno alla comunità più di 4,2 miliardi di franchi.

24 marzo 2015

Ogni anno, gli incidenti stradali provocano costi umani e materiali per alcuni miliardi di franchi. Per non banalizzare gli appelli alla prevenzione, per la prima volta in Svizzera, è stato organizzato un crash-test in condizioni di circolazione “reali”.

Questo crash-test si è svolto a Mont-sur-Lausanne, il 25 marzo 2015. La simulazione ha riprodotto un incidente fra due veicoli, seguita dalle varie fasi d’intervento: dall’arrivo della polizia e delle ambulanze, al lavoro del medico del Servizio mobile d’urgenza e di rianimazione (SMUR), alle operazioni dei pompieri e al trasporto in ospedale delle vittime con l’elicottero. La simulazione dell’incidente ha riprodotto uno scenario, purtroppo alquanto frequente sulle nostre strade: ossia le conseguenze drammatiche causate da una di disattenzione provocata dalla manipolazione di uno smartphone.

La simulazione rientrava nell’ambito della campagna “Guidare correttamente”. La Polizia cantonale di Vaud, il Touring Club Svizzero con la sua sezione cantonale, la Sezione della circolazione e della navigazione, il Servizio mobile d’urgenza e di rianimazione (SMUR), la Direzione generale della mobilità e delle strade e il Servizio di Protezione e Salvaguardia di Losanna hanno così arricchito il ventaglio delle loro azioni di sensibilizzazione, avvalendosi anche della partecipazione della Rega.

Quest’azione di prevenzione si prefigge di diminuire il numero delle vittime degli incidenti stradali e sensibilizzare il pubblico sulle conseguenze economiche generate da queste disgrazie in Svizzera, quantificate a oltre 4,2 miliardi di franchi. Questa stima comprende i costi effettivi: dal trasporto delle vittime, agli interventi sanitari e materiali e fino agli oneri generali. La presenza sul luogo della dimostrazione di un contatore, ha consentito di calcolare in diretta i costi dei, in condizioni reali, vari interventi. Quest’azione è stata sostenuta finanziariamente dal Fondo di sicurezza stradale.

In un incidente, la sopravvivenza delle persone infortunate può essere legata ad una manciata di secondi, perciò il TCS raccomanda l’utilizzo delle schede di soccorso per ogni vettura in commercio, incluso l’adesivo corrispondente sul finestrino laterale. Le squadre di salvataggio hanno così immediatamente tutte le informazioni necessarie per localizzare in modo preciso i sistemi di sicurezza e intervenire in modo ottimale a liberare il più rapidamente possibile le persone incastrate. Ogni minuto di guadagnato aumenta di 1% la probabilità di salvare le persone infortunate. Della grandezza di una pagina A4, esse possono essere scaricate gratuitamente dal sito internet www.schedadisoccorso.ch

Newsletter
Reti sociali
Rivista Touring
Nuovi prodotti & giubilei
 
Si prega di pazientare un attimo
Stiamo ottimizzando il nostro sito, ciò che può comportare tempi di caricamento più lunghi.