L’ulcera del Buruli: un ascesso carnivoro

Si sentono in continuazione storie dell’orrore in cui un ascesso carnivoro chiamato ulcera del Buruli si diffonde in Australia.


La Dr. med. Esther Künzli, dell’istituto tropicale e di salute pubblica svizzero di Basilea, informa al riguardo.

Signora Künzli, che cos’è l’ulcera del Buruli?
L’ulcera del Buruli è una malattia cutanea infettiva, causata dal Mycobacterium ulcerans, un micobatterio non tubercolare della famiglia del bacillo della lebbra. Solitamente, questa malattia compare nelle regioni tropicali.

Lei sconsiglia di recarsi in Australia o consiglia speciali provvedimenti per proteggersi e per prepararsi?
No, non sconsigliamo di andare in Australia. L’ulcera del Buruli non colpisce praticamente nessun turista.

Quali sono i sintomi in caso di un’infezione?
Il sintomo più frequente è una lesione cutanea aperta. L’infezione può tuttavia estendersi e colpire pure le ossa.

Come si cura un’ulcera del Buruli?
Il trattamento avviene per mezzo di un intervento chirurgico o di una cura antibiotica.

Questa malattia può essere letale?
No, di solito no. Ma se avviene una superinfezione batterica può diventare pericolosa.

Ci si può vaccinare contro l’ulcera del Buruli?
No, non esiste un vaccino contro questa malattia.


Non utilizzate queste informazioni come base assoluta per le decisioni sulla salute. In caso di problemi alla salute consultate il vostro medico o farmacista. Navigare su internet non sostituisce la consultazione medica.

Per considerazioni e input, potete contattarci per Email: mdtcsch

Il seguente articolo è stato realizzato in collaborazione con l’Istituto tropicale e di salute svizzero di Basilea.

L’Istituto tropicale e di salute svizzero (Swiss TPH) è un istituto noto a livello mondiale nel campo della salute globale, con un approccio incentrato sui Paesi con redditi medio-bassi.

Condividere
durckenE-MailFacebookGoogle +Twitter

Potrebbe interessarvi anche

Offerte del TCS

Newsletter
Reti sociali
Rivista Touring
Nuovi prodotti & giubilei
 
Si prega di pazientare un attimo
Stiamo ottimizzando il nostro sito, ciò che può comportare tempi di caricamento più lunghi.