Come proteggersi dai fulmini in caso di tempesta

Si può diminuire notevolmente il rischio di essere colpiti da un fulmine comportandosi in modo appropriato.


Il Prof. Dr. med. Aristomenis Exadaktylos, primario e direttore dell’Universitäres Notfallzentrum (Inselspital di Berna), riguardo al tema della fulminazione.

Signor Exadaktylos, che cosa succede al corpo umano quando viene fulminato?  
Ciò dipende se si tratta di una fulminazione diretta (con conseguenze gravi o letali) oppure indiretta (alla quale si può sopravvivere, conseguenze mediamente gravi). In caso di fulminazione, il pericolo è che la corrente dopo essere entrata nel corpo passi attraverso i vasi sanguigni più importanti (le arterie) e che esca da un'altra parte del corpo. Il corpo umano, composto quasi solo da acqua, è un eccellente conduttore per l’elettricità. Oltre all’entrata e all’uscita di corrente, che può causare ferite e ustioni locali, le parti attraversate dalla corrente possono addirittura “cuocersi”.

Sembra molto pericoloso.   
Poiché l’uscita e l’entrata di corrente è poco visibile a occhio nudo, le conseguenze vengono talvolta sottovalutate, il che può risultare fatale. Oltre all’energia termica, attraverso la scarica elettrica possono avvenire disturbi del ritmo cardiaco, che possono portare all’arresto cardiaco immediato. Possono pure esserci contrazioni muscolari involontarie talmente forti da spezzare le ossa o slogare le articolazioni. Se colpisce il cervello, in cui normalmente passano pure correnti elettriche, ma minime e dal funzionamento estremamente complesso, a causa dell’elevato voltaggio questo può esserne ferito in maniera tale da causare una perdita di coscienza temporanea o il coma. Non per niente si dice di una persona allibita che è “fulminata”. Inoltre ci possono essere ferite meno gravi degli occhi e delle orecchie, causati da tuoni e da lampi.

Quali sono le lesioni più frequenti in caso di fulminazione?  
I fulmini causano disturbi del ritmo cardiaco e del sistema nervoso. Oltre a quelle causate dall’energia termica, descritte sopra, queste sono le lesioni “più gravi”.

Quali sono le conseguenze che possono rimanere a vita? 
Chi sopravvive a una fulminazione non ha ancora la fulminazione alle sue spalle. A seconda della quantità di energia trasmessa, i tessuti delle parti che sono state colpite possono continuare a bruciare ancora per ore, o anche giorni. Questi tessuti morti possono essere “rigettati” dal corpo e causare gravi conseguenze, per esempio una disfunzione dei reni. Un disturbo del ritmo cardiaco può anche apparire più tardi, e nella maggior parte dei casi pure il grado di danni neurologici si mostra con l’andare del tempo.

Che cosa si può fare se qualcuno viene colpito da un fulmine? 
Portarlo al sicuro. Infatti, di solito a un primo fulmine ne seguono degli altri. Appena ci si trova in un luogo sicuro, iniziare con le misure di primo soccorso. In caso di arresto cardiaco, ogni secondo conta. Chiamare assolutamente l’ambulanza o la REGA, anche se il paziente torna a essere cosciente. In caso di dubbio, recarsi sempre al pronto soccorso. I fulmini che si scaricano nelle vicinanze sviluppano, come una piccola bomba, un’estrema quantità di energia termica e meccanica. Per questo, a volte non si è sicuri se si è stati “colpiti” oppure no.

Come proteggersi in modo giusto in caso di tempeste

Si può diminuire notevolmente il rischio di essere colpiti da un fulmine comportandosi in modo appropriato. 

  • Dentro gli edifici, soprattutto se hanno un parafulmine, si è protetti molto bene.
  • Attenzione: durante una tempesta andrebbe evitato di fare la doccia o il bagno, anche se la vasca da bagno o la doccia hanno una messa a terra.
  • La carrozzeria in metallo dei veicoli devia i fulmini. Le parti metalliche non vanno toccate. Si è al sicuro non solo all’interno delle automobili, ma pure di aeroplani, treni o cabine delle funivie.
  • Non cercate rifugio su colline, sotto alberi isolati o vicino a dei pali, e neppure sotto un ombrello aperto. Infatti, per scaricarsi il fulmine cerca il posto più alto possibile.
  • Abbandonate il campo di golf o di calcio, i prati umidi si adattano alla perfezione come conduttori dei fulmini.
  • Giù le mani da oggetti in metallo: gli oggetti con parti metalliche come ombrelli, bastoni da montagna, mazze da golf, monete e chiavi attirano i fulmini. Per questo motivo, andrebbero tenuti ad almeno tre metri di distanza.
  • Senza messa a terra sufficiente, le recinzioni in metallo sono in grado di condurre la corrente per centinaia di metri.
  • Fienili e altri ripari in legno non sono un rifugio adatto, e in strutture aperte in metallo, come per esempio le fermate del bus, bisognerebbe stare in mezzo alla parte aperta, il più lontano possibile dalle pareti.
  • Spegnere il cellulare e mantenerlo a distanza, poiché il fulmine può essere attratto dall’apparecchio e trasferire l’energia all’individuo.
  • Uscite dall’acqua: chi si trova in un lago o in una piscina dovrebbe immediatamente uscire dall’acqua, poiché l’acqua ha un’elevata conduttività.


Non utilizzate queste informazioni come base assoluta per le decisioni sulla salute. In caso di problemi alla salute consultate il vostro medico o farmacista. Navigare su internet non sostituisce la consultazione medica.

Per considerazioni e input, potete contattarci per Email: mdtcsch

Inselspital

Questo articolo è stato realizzato con la collaborazione del Prof. Dr. med. Aristomenis Exadaktylos, primario e direttore dell’Universitäres Notfallzentrum Inselspital (Universitätsspital di Berna).

www.insel.ch

Condividere

Potrebbe interessarvi anche

Offerte del TCS

Newsletter
Reti sociali
Rivista Touring
Nuovi prodotti & giubilei
 
Si prega di pazientare un attimo
Stiamo ottimizzando il nostro sito, ciò che può comportare tempi di caricamento più lunghi.