Resistenza agli antibiotici

Al ritorno da un viaggio possono verificarsi delle resistenze agli antibiotici, consigli ai viaggiatori.


Una persona che ritorna da un viaggio all’estero può importare dei batteri resistenti agli antibiotici, soprattutto se nel corso del soggiorno è stata ospedalizzata.

Il moltiplicarsi dei contatti internazionali tramite i viaggi provoca una propagazione rapida dei batteri resistenti. Questi batteri sono già molto diffusi in alcuni paesi (soprattutto nell'acqua e negli alimenti). Diversi studi hanno dimostrato che i viaggiatori internazionali spesso ritornano dall'estero portando con sé dei batteri resistenti (che si siano ammalati o meno).

Le vacanze esotiche sono molto spesso rovinate dalla «diarrea del viaggiatore» (nota anche come diarrea del turista), un'infezione dell'intestino che generalmente non ha grandi conseguenze e che non dura più di 3 o 4 giorni. Può capitare che i batteri resistenti, che a volte causano questa infezione, vengano portati in Svizzera e trasmessi a persone più vulnerabili. Questi batteri possono inoltre trasmettere i loro geni della resistenza agli antibiotici ad altri batteri patogeni.

A volte i pazienti, prima di partire per un viaggio, richiedono al loro medico una ricetta per degli antibiotici, in modo da potersi curare in caso di diarrea. L'automedicazione con gli antibiotici dovrebbe però essere praticata solo in casi estremi, dato che queste diarree guariscono quasi sempre da sole: il trattamento più importante consiste in una buona reidratazione. Gli antibiotici hanno degli effetti secondari negativi sulla flora intestinale. Assumere degli antibiotici in paesi con livelli elevati di batteri resistenti (come quelli del Sud-est asiatico) rischia solo di favorirne lo sviluppo.

Turismo della salute
Gli interventi medici all'estero – in particolare le operazioni chirurgiche – sono una delle maggiori fonti di importazione di batteri resistenti. Il «turismo della salute» è quindi da considerare con molta cautela. In Svizzera, quando si viene ammessi in un ospedale o in una clinica, si è tenuti ad informare il personale medico su un eventuale soggiorno in una struttura ospedaliera all'estero nel corso degli ultimi 12 mesi.

Il motivo di questa precauzione è dovuta al fatto che i batteri multi-resistenti (cioè quelli in grado di resistere a più antibiotici presi simultaneamente) sono importati soprattutto dai viaggiatori e dai turisti della salute. La scoperta precoce della presenza di questi batteri ne evita la propagazione e ne facilita il trattamento.

Fonte : Ufficio federale della sanità pubblica UFSP

Non utilizzate queste informazioni come base assoluta per le decisioni sulla salute. In caso di problemi alla salute consultate il vostro medico o farmacista. Navigare su internet non sostituisce la consultazione medica.

Per considerazioni e input, potete contattarci per Email: mdtcsch

Condividere
durckenE-MailFacebookTwitter

Potrebbe interessarvi anche

Offerte del TCS

Newsletter
Reti sociali
Rivista Touring
Nuovi prodotti & giubilei
 
Si prega di pazientare un attimo
Stiamo ottimizzando il nostro sito, ciò che può comportare tempi di caricamento più lunghi.