Vacanze in campeggio senza barriere

L'avventura del campeggio e anche possibile per persone con handicap


Le vacanze in campeggio sono qualcosa di fantastico: all’aria aperta e a contatto con la natura, si è del tutto liberi da rigide tabelle di marcia, si è indipendenti e si respira un’atmosfera di spensieratezza.

Fare una vacanza di questo tipo è liberatorio anche per le persone portatrici di handicap fisici, che possono così organizzare l’arrivo in autonomia e viaggiare senza difficoltà. Non essendo vincolati a orari precisi come quelli degli hotel (come l’orario dei pasti, della pulizia delle camere ecc.), la giornata può essere organizzata in modo del tutto personale e in base alle proprie esigenze.

Molti campeggi hanno riconosciuto queste necessità e offrono alle persone con limitazioni fisiche degli alloggi senza barriere, adoperandosi sempre più affinché anche il campeggio e i servizi igienici siano accessibili alle persone portatrici di handicap.

Ormai sono disponibili ampi bungalow per disabili dove trascorrere una bella vacanza rigenerante insieme a tutta la famiglia. Le camere sono dotate di letti speciali, il bagno dispone di doccia e WC senza barriere, la cucina è utilizzabile con la sedia a rotelle e, grazie a porte ampie, è possibile muoversi liberamente per tutto il bungalow arrivando ovunque anche in carrozzina.

Vacanze all’insegna del relax per persone con handicap motori

Thomas Erne, Geschäftsleiter Stiftung Cerebral

Interview con Thomas Erne, direttore della Fondazione Cerebral
Interview di Dominic Graf, editore Touring

Thomas Erne, direttore della Fondazione svizzera per il bambino affetto da paralisi cerebrale, si è posto il compito di facilitare la vita alle persone disabili e alle loro famiglie. 

Signore Erne, cosa è una paralisi cerebrale?

Un’incapacità di movimento cerebrale è la conseguenza di una lesione cerebrale, sopravvenuta prima, durante o poco dopo la nascita. A seconda della gravità, può essere compromesso il tatto, la vista, l’udito o la parola. In certi casi può insorgere anche un’epilessia.

Perché vi impegnate specificamente per campeggi adatti ai disabili?

Il nostro obiettivo è l’inclusione sociale delle persone disabili. In un campeggio domina un’atmosfera naturale, senza complicazioni. Vi si ritrovano molte persone diverse tra loro, che trascorrono il tempo assieme in relax; ci sono quindi dei buoni requisiti per togliersi la paura di confrontarsi con certe situazioni.

Come ci si deve comportare nei confronti di una persona disabile?

È importante sapere che una persona affetta da handicap non è molto diversa da una persona normodotata. Non c’è motivo d’aver paura. È assolutamente consentito anche porre domande per essere sicuri di agire correttamente. Non ci si dovrebbe far troppi pensieri, ma semplicemente accostarsi a loro in modo naturale.

A seconda, però, della gravità del disabile il contatto può essere davvero difficile…

Ovvio, a volte per esempio la comunicazione non è facile. Anche qui, però, ci sono alcune possibilità. Come detto, la cosa più semplice è di andare verso le persone disabili. Spesso i genitori o altri accompagnatori aiutano a capirli. Resterete sorpresi di quali emozionanti esperienze e intuizioni potrebbero derivarne.

Intanto, avete già dotato di bungalow senza barriere architettoniche il terzo campeggio del TCS. Prevedete già ulteriori provvedimenti?

Sicuramente! Prevediamo di dotare ogni anno almeno un campeggio con questi bungalow. La grande richiesta ci conferma che soddisfiamo un grosso bisogno. Inoltre siamo impegnati anche in piccoli progetti, come ad esempio quello di rendere accessibili ai disabili i laghi e le piscine o di eliminare gli ostacoli alle entrate dei negozi dei campeggi.  

Un consiglio di viaggio

TCS Camping Buochs am Vierwaldstättersee

Thomas Erne, direttore della Fondazione svizzera Cerebral consiglia le vacanze sull TCS Camping Buochs-Lago di Lucerna

Concedetevi una pausa rigenerante lontani dalla routine quotidiana nel TCS Camping Buochs sul Lago di Lucerna. Vi aspettano dei bungalow nuovi ed equipaggiati appositamente per far fronte alle vostre esigenze.

I bungalow sono stati concepiti in modo tale da permettere di muoversi liberamente anche in sedia a rotelle. Dispongono di una bella terrazza priva di barriere, di letti speciali, di un bagno per disabili e una cucina utilizzabile anche in sedia a rotelle.

La particolarità del camping è la scuola di canottaggio «Kanuwelt Buochs», situata proprio accanto al campeggio e che, in collaborazione con Cerebral, offre kayak con un equipaggiamento speciale per persone disabili. In loco sarete assistiti con professionalità ricevendo tutte le informazioni.

TCS Camping Buochs-Lago di Lucerna

Canoa senza barriere
 

Vacanze più semplici in Campeggio - un rapporto

Barrierefreie Campingferien

Si può andare in campeggio con disabili gravi? Certo! Grazie a bungalow privi di barriere anche loro possono trascorrere vacanze vicino alla natura. Per esempio la famiglia Alpiger nel camping TCS di Sempach.

Un rapporto di Dominic Graf, editore Touring

Susanne e Titus Alpiger sono una squadra affiatata. Con esperienza e tanto amore sollevano la loro figlia Melanie dal letto di cura per metterla sulla sedia a rotelle. Melanie è cerebrolesa, non riesce a parlare né a camminare e neppure ad ingoiare cibi solidi. Ogni mattina i genitori trascorrono anche fino a due ore a preparare la 19enne per la giornata, ossia ad alimentarla, farle la doccia, vestirla. Comunicano con domande che richiedono un sì o un no: la bocca aperta ad A significa «sì», mentre se le labbra formano una O significa «no». Nonostante, o forse grazie alla grave disabilità di Melanie, emanano una profonda coesione; sembrano felici e contenti. Eppure sono molto diversi da una famiglia «normale». Come diventa evidente quando gli Alpiger vanno in vacanza.

Hotel? Troppo faticoso!

«Per noi un soggiorno in un albergo normale non è davvero possibile», afferma Titus Alpiger. «Dipendiamo da un’infrastruttura speciale: letto di cura, doccia adatta ai disabili, porte accessibili in sedia a rotelle e così via», aggiunge la moglie. Pertanto hanno optato per un soggiorno nel campeggio TCS di Sempach (LU). Nei bungalow senza barriere architettoniche, la famiglia trova l’allestimento di cui ha bisogno. Inoltre, la bella posizione sul lago di Sempach, le numerose possibilità per il tempo libero e la vicinanza a Lucerna dove abitano, offrono le condizioni ideali per un piacevole soggiorno. A Melanie piace molto andare in giro ed è molto felice specie quando viaggia in treno. Il programma delle vacanze include perfino una gita in pedalò sul lago e una discesa con uno slittino estivo. Con le precauzioni e gli aiuti appropriati, si può fare abbastanza.

Un altro motivo per cui gli Alpiger si sentono a loro agio in questo campeggio è rappresentato dalla cortesia e dalla premura dei collaboratori. «Se abbiamo bisogno di qualcosa, la gente di qui si dà veramente la pena di soddisfare le nostre esigenze. Su nostra richiesta è stata addirittura installata una sponda sul bordo del letto di Melanie», racconta entusiasta Susanne Alpiger. Anche per questo motivo continuano a tornare a Sempach. È già la terza volta che vi trascorrono le vacanze.

Disabili benvenuti
Il campeggio dispone di due bungalow senza barriere architettoniche. Ne esiste uno anche sul camping TCS di Buochs, Berna Eymatt e da poco altri due a Flaach am Rhein. Questi alloggi patrocinati dalla Fondazione Cerebral abbinano il fascino del campeggio romantico ai bisogni pratici quotidiani delle persone portatrici di handicap. Dall’esterno, soltanto la rampa per la sedia a rotelle può far immaginare che si tratta di un bungalow adatto pure ai disabili. Solo un’occhiata all’interno indica che sono alloggi speciali: porte extra larghe, locali ben suddivisi, letti ospedalieri, nonché docce, servizi igieni e cucina ben accessibili in sedia a rotelle. Nei bungalow trovano posto fino a cinque persone, in condizioni ottimali per muoversi liberamente e comodamente. L’allestimento dei bungalow fa parte del progetto «Camping Svizzera», con il quale la Fondazione Cerebral risponde al desiderio delle persone disabili e dei loro congiunti di poter andare in vacanza nella natura, che però non riuscivano a realizzare a causa del loro impedimento fisico. In futuro, saranno allestiti alloggi senza barriere in altri campeggi del TCS in tutta la Svizzera. La Fondazione Cerebral partecipa anche in modo cospicuo al loro finanziamento.

Saperne di più

Offerte del TCS

Reti sociali
Newsletter
Apps
Rivista Touring