Riscaldare in modo corretto camper e roulotte

Tutto sugli impianti di riscaldamento e su come scaldare e isolare in maniera ottimale


Sistemi di riscaldamento

Autore: Olivier Lucy, appassionato di campeggio e socio fondatore di Campingberatung.ch

Trasformare l’energia in calore - con le temperature correnti un tema più che mai attuale. Tutti i camper e le roulotte dispongono di un riscaldamento integrato: nel 99% dei casi si tratta di un sistema a gas. Ma esistono anche impianti di riscaldamento a gasolio o elettrici.

Qual è dunque il sistema migliore per riscaldare?

La risposta tipica è: «Per ogni modalità di campeggio esiste il riscaldamento giusto». A seconda dei casi, un sistema può essere più indicato dell’altro.

Qual è dunque il sistema migliore per riscaldare il camper
 

Le modalità di campeggio sono decisive – un paio di esempi

1. Riscaldamento elettrico
Una famiglia possiede un pulmino camperizzato che utilizza occasionalmente per trascorrere le vacanze autunnali in Engadina. Sul mezzo è installato un impianto di riscaldamento a gas. Tuttavia, qualcuno in famiglia si lamenta all’idea di utilizzare il gas a bordo. In questi casi – nonostante gli elevati costi per la corrente applicati da diversi campeggi – è possibile ripiegare su una stufa elettrica. Con questa modalità di campeggio, passare a un impianto di riscaldamento a gasolio è infatti sicuramente poco conveniente.

2. Riscaldamento a gasolio
Per una coppia che viaggia tutto l’anno e utilizza il camper anche d’inverno, adottare un impianto a gasolio è al contrario una scelta sensata al fine di evitare gli alti costi connessi ai consumi elettrici. Anche il gas, infatti, è caro in caso di utilizzo intenso. La spesa per il passaggio al nuovo impianto di riscaldamento può essere ammortizzata in 4 anni. Ancora meglio, naturalmente, è affrontare il problema già al momento dell’acquisto e richiedere l’installazione di un sistema di riscaldamento combinato.

3. Campeggio invernale
Se si desidera praticare il campeggio invernale un fatto è certo: la scelta ideale è sicuramente optare per un impianto ad acqua e gas. Con questo tipo di impianti, portare l’ambiente a una temperatura confortevole non richiede infatti una potenza calorica elevata quanto con un impianto che utilizza una ventola.

Riscaldare nel modo giusto – consigli efficaci

1. Aprire cassetti e armadietti durante la fase di riscaldamento, anche se tutti i componenti dell’arredamento sono retroventilati.
Con i cassetti chiusi, ad esempio, un innalzamento della temperatura da -5 a 21 °C provoca spesso la formazione di condensa sulle posate. Inoltre, tenere aperti cassetti e armadietti produce un piacevole effetto collaterale: anche i vestiti di ricambio si mantengono a «temperatura ambiente».

2. Non riscaldare mai al massimo grado.
Soprattutto con i sistemi che impiegano una ventola, ciò non ha alcun senso. L’impianto riscalda fortemente solo nelle immediate vicinanze della ventola, poiché quest’ultima non è in grado di distribuire il calore in modo abbastanza efficiente.

3. Regolare la ventola sulla velocità massima in modo da distribuire il calore in tutti gli angoli dell’abitacolo. 
Non è infatti l’impianto di riscaldamento a necessitare di calore, ma gli occupanti del veicolo.

4. Chi dispone di un impianto di riscaldamento con comando a distanza (p.es. tramite iNetBox) può utilizzarlo per iniziare a riscaldare gradevolmente l’abitacolo ancora prima di salire a bordo. 
Questo tipo di comandi può essere integrato nell’impianto anche in un secondo tempo con una spesa relativamente modesta. Campingberatung.ch è a vostra disposizione per vagliare insieme a voi le diverse possibilità disponibili.

Isolare in modo corretto

Isolare in modo corretto

Fatto: l’impianto di riscaldamento funziona alla perfezione. Tuttavia, improvvisamente un freddo spiffero s’insinua tra le fessure e il calore se ne va. Chi ama campeggiare in questo modo dovrebbe assolutamente dotarsi di appositi paraventi esterni a terra per evitare che il vento raffreddi il fondo del mezzo. Anche le protezioni isolanti per i finestrini sono decisamente consigliabili, poiché nei veicoli da campeggio questi ultimi non sono in genere costruiti con vetro isolante e causano pertanto elevate dispersioni di calore.

In tutti i casi è necessario considerare bene l’efficienza del sistema di aerazione e ventilazione. Gli esseri umani necessitano di aria fresca: la quantità interna di CO2 cresce già a causa del normale consumo d’aria provocato dalla nostra respirazione e in particolare in presenza di una stufa o di una cucina a gas, entrambi apparecchi che consumano ossigeno. Per evitare emicranie e malesseri, è necessario dunque prevedere un impianto di aerazione e ventilazione sufficientemente efficace. 

Saremo lieti di fornirvi la nostra consulenza!

Avete dubbi o domande su temi relativi a riscaldamento e isolamento? Campingberatung.ch è a vostra disposizione.

Campingberatung.ch
Telefono.: +41 32 511 11 52
Email: nfcmpngbrtngch

Questo articolo è stato utile?
No
100%
degli utenti ha trovato questo articolo utile
2 valutazioni
 

partner:

Condividere
durckenE-MailFacebookTwitter

Saperne di più

Potrebbe interessarvi anche

Offerte del TCS

Newsletter
Reti sociali
Rivista Touring
Nuovi prodotti & giubilei
 
Si prega di pazientare un attimo
Stiamo ottimizzando il nostro sito, ciò che può comportare tempi di caricamento più lunghi.